Turisti a Chiareggio? In arrivo il ticket: «Posto da tutelare»
Chiesa in Valmalenco, località Chiareggio: festa dell'alpeggio

Turisti a Chiareggio? In arrivo il ticket: «Posto da tutelare»

Troppe auto in estate, così avanza l’intenzione di frenare l’inquinamento. Da giugno “biglietto” a 3 euro.

Dal consiglio comunale di giovedì scorso a Chiesa in Valmalenco sono emerse alcune interessanti novità, una delle quali farà forse discutere. Innanzitutto, dal prossimo inverno il centro sportivo di Sabbionaccio a San Giuseppe avrà due cannoni spara neve, «per garantire la pratica dello sci di fondo fin da inizio stagione», afferma il sindaco.

In estate al centro sportivo si potranno noleggiare le e-bike; lungo la strada per Chiareggio verranno sistemati alcuni muri di contenimento «che da troppo tempo necessitavano di interventi», sottolinea sempre Petrella; nel parco geologico di Chiareggio verranno ripulite e cambiate - se necessario - le targhette esplicative.

Inoltre sono stati stanziati 12mila euro per un concorso di idee per valutare la possibilità di ampliare l’attuale parcheggio di via Squadrani e di collegarlo mediante scala oppure tappeto mobile con il centro del paese, «esattamente come accade a Sankt Moritz - spiega l’assessore a trasporti, viabilità e commercio Andrea Parolini -: creeremo dei parcheggi in centro pur non essendo in centro, come fanno nella bella località engadinese».

Infine, da giugno fino a metà ottobre verrà istituita una ztl con conseguente “pollution charge” per tutta l’area tra Sabbionaccio a Chiareggio. «Chi vorrà andare a Chiareggio dovrà pagare un ticket sull’ordine dei tre euro a vettura, il costo esatto dobbiamo ancora deciderlo. Questo perché vogliamo ridurre l’inquinamento in un posto bellissimo, che in estate è letteralmente invaso dalle auto. Abbiamo parlato con alcuni operatori turistici e proprietari di casa della zona e sono d’accordo».

Non sempre i mezzi pubblici da e per Chiareggio sono all’altezza e un ticket d’ingresso potrebbe creare malumori tra i turisti, ma Parolini risponde che «pensiamo che chi va a cena a Chiareggio in inverno pagando cinque euro per il trasporto in motoslitta sia disposto a pagarne tre per andarci anche in estate. Il fatto che si paghi per raggiungerla darà maggior pregio alla località stessa. E stiamo lavorando per potenziare il trasporto pubblico, non solo per Chiareggio, ma per tutta la Valmalenco».


© RIPRODUZIONE RISERVATA