Turismo a due ruote in forte crescita  Parte la promozione
Il logo Valtellina sulla maglia del team Polartec

Turismo a due ruote in forte crescita

Parte la promozione

Convegni, guide, gare ed eventi nel 2018 per ampliare l’offerta e dare risposte ancora più mirate. Tra agosto e settembre 24.568 ciclisti sul Valtellina

Sono molti i turisti che, negli ultimi anni, hanno scelto di concedersi una vacanza con la loro bicicletta sui percorsi di Valtellina e Valchiavenna. Che si tratti di ciclismo su strada, mountain-bike oppure di passeggiate cicloturistiche, i numeri del turismo “su due ruote” sono in costante crescita e portano benefici anche ad altri comparti dell’economia provinciale come, ad esempio, quello enogastronomico, oppure quello delle strutture ricettive.

Proprio partendo dall’analisi della situazione attuale, e per cercare di fornire risposte ancora più adeguate ai turisti e ai residenti ampliando l’offerta, il Consorzio turistico di Tirano ha sottoposto a vari enti e istituzioni (Provincia di Sondrio, Bim, Parco nazionale dello Stelvio, Comunità montana Alta Valtellina e Comunità montana di Tirano) un progetto di promozione e comunicazione dell’offerta cicloturistica provinciale.

Proprio gli enti e le istituzioni coinvolte hanno individuato nel Consorzio turistico di Tirano e in Valtellina turismo i soggetti operativi del progetto che dunque daranno vita a una serie di iniziative che si articoleranno lungo tutto l’arco del 2018: l’organizzazione di un convegno sul valore e l’importanza della nutrizione sana nello sport e nel ciclismo con riferimento all’agricoltura eroica in Valtellina; la realizzazione di una guida di e-bike dei migliori itinerari della provincia; l’acquisto di trenta e-bike da mettere a disposizione per il noleggio bici nel Parco nazionale dello Stelvio; l’organizzazione di una gara-evento di ciclismo; attività di promozione sia sul sito Valtellina.it sia attraverso conferenze stampa e social e blog a cura di Valtellina Turismo.

«Questo progetto colpisce nel segno - ha evidenziato Franco Angelini, consigliere provinciale delegato al turismo - visto che il cicloturismo forma un connubio perfetto con l’attenzione verso il territorio e i giovani». «Il Bim - gli ha fatto eco il vicepresidente dell’ente Fernando Baruffi - da sempre sponsorizza e aiuta tutti gli sport per favorirne lo sviluppo sul territorio. È auspicabile che il progetto parta dall’Alta Valle, ma arrivi poi anche alla media e alla bassa valle».

Il progetto si innesta su numeri già positivi e su strategie e iniziative che considerano il cicloturismo un elemento di grande appeal per far arrivare i turisti in provincia di Sondrio: in concomitanza con l’organizzazione di gare di ciclismo su strada, ad esempio, gli atleti rimangono in media per tre o quattro giorni; sul sentiero Valtellina tra agosto e settembre 2017 sono transitati 24.568 ciclisti; le richieste di bici elettriche nel corso della scorsa estate sono state superiori a quelle delle bici disponibili.

Per quanto concerne le strategie già in atto, invece, vanno citati l’accordo con Trenord per il cosiddetto “treno estivo” per i turisti; la mappatura dei sentieri minori per la realizzazione di una app la cui demo sarà pronta in estate; e, come ha evidenziato il direttore del Parco nazionale dello Stelvio Alessandro Meinardi «la chiusura estiva dei passi alpini in concomitanza con le iniziative già in calendario e l’organizzazione di servizi per la visita del territorio». «Il cicloturismo - ha concluso Gianantonio Pini, presidente della Comunità montana di Tirano - è un trend in forte crescita in tutta la provincia ed è fondamentale per la media e Alta Valle».

© RIPRODUZIONE RISERVATA