Truffe online: dieci arresti  Perquisito rivenditore del Comasco

Truffe online: dieci arresti

Perquisito rivenditore del Comasco

Nell’ambito dell’operazione battezzata “Face Off” gli investigatori stanno anche perquisendo un rivenditore della provincia di Como, dove erano state attivate numerose schede telefoniche utilizzate dagli indagati.

Dieci cittadini romeni sono stati arrestati dagli uomini del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Milano in quanto ritenuti appartenenti a un’organizzazione criminale transnazionale finalizzata alle truffe online, utilizzo indebito di carte di credito, falsificazione di documenti, sostituzione di persona e furto di identità digitale.

Nell’ambito dell’operazione battezzata «Face Off» gli investigatori stanno anche perquisendo un noto dealer della provincia di Como, dove erano state attivate numerose schede telefoniche utilizzate dagli indagati, sotto intercettazione della Polizia Postale e delle Comunicazioni milanese.

Le indagini sono scaturite da una querela, presentata da una delle vittime per il mancato recapito di un iPad che aveva acquistato sul sito denominato «techmaniashop.it». A questa, sono poi state collegate altre 350 denunce per truffa. Gli investigatori della Postale hanno verificato che il gruppo criminale aveva predisposto in serie 49 siti on line fittizi, attestati sul territorio nazionale, pubblicati in maniera sistematica.

Dell’organizzazione facevano parte due gruppi, uno attivo in Italia dove svolgeva attività fraudolente ai danni dei cittadini italiani e l’altro operante in Romania, dove sono state eseguite gran parte delle operazioni informatiche più complesse, come la creazione di pseudo-siti di e-commerce e le operazioni di phishing mediante furto di dati sensibili e spostamento dei flussi dei proventi illeciti. Grazie a Poste Italiane è stato possibile individuare oltre cento documenti di identità falsi, finalizzati all’apertura di altrettante carte prepagate.


© RIPRODUZIONE RISERVATA