Treni guasti e disagi a raffica  È l’ennesimo venerdì nero
Ancora disagi nella giornata di ieri sui binari (Foto by foto archivio)

Treni guasti e disagi a raffica

È l’ennesimo venerdì nero

Problemi e pendolari infuriati sulla linea Milano-Tirano per tutta la giornata di ieri.

Treni guasti, corse soppresse, ritardi e passeggeri infuriati. Per l’ennesima volta. Non passa giorno ormai senza che si registrino problemi e disagi sulla linea Milano-Tirano. Tra guasti e incidenti ai passaggi a livello non incappare in ritardi o addirittura soppressioni di corse sta diventando più difficile che fare un terno al lotto.

Quella di ieri è stata una giornata partita subito col piede sbagliato. Il treno 2550 (partenza da Milano centrale alle 6,20, arrivo a Tirano alle 8,52) ha fermato la sua corsa nella stazione di Sondrio a causa di un guasto. Il treno corrispondente 2563 (Tirano 9,08-Milano centrale 11,38) è partito direttamente dalla stazione di Sondrio alle 9,41. Chi doveva proseguire la corsa in direzione Tirano o partire da lì ha dovuto arrangiarsi con mezzi propri (facendosi dare un passaggio da qualcuno o pagandosi un taxi) o prendere la corsa successiva, visto che Trenord non ha organizzato un servizio sostitutivo con autobus.

Ma era solo l’inizio. Disagi e ritardi si sono registrati anche nel pomeriggio per un altro guasto ad un treno, che ha causato a cascata una serie di ritardi (di mezz’ora circa) sulla linea.

E non era ancora finita. Il venerdì nero sui binari è proseguito con lo stop del treno 2566 (in partenza da Milano centrale alle 16,20 e arrivo a Tirano alle 18,52, ovvero uno dei treni più gettonati dagli studenti universitari) nella stazione di Varenna Esino che si è reso necessario per un intervento di soccorso sanitario a bordo treno (il convoglio è ripartito 22 minuti dopo).

Questa volta - ma solo quest’ultima - dunque non un problema di guasti ma di tutt’altro genere. Certo che sommato a tutti gli altri problemi registrati in giornata ha reso decisamente difficile la giornata di numerosi pendolari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA