Sabato 10 Agosto 2013

Traffico sempre intenso sulla 38

La task force torna mobile

Nei fine settimana di grandi spostamenti la superstrada è troppo corta per rendere il traffico fluido

Torna il Piano anticode, ma sarà più dinamico rispetto al primo fine settimana di agosto. Lo ha deciso il tavolo tecnico riunito ieri, convocato in prefettura per fare il punto della situazione sul controllo della viabilità nel fine settimana alla luce dell’apertura, lo scorso 31 luglio, del primo troncone della nuova superstrada che arriva sino al comune di Cosio Valtellino.

Visto l’andamento del traffico lo scorso weekend, che non ha comportato grossi cambiamenti nella circolazione rispetto all’era pre-superstrada, si è stabilito di mettere in campo da domani e sino almeno alla fine di agosto il regolare controllo dei punti caldi della Bassa Valle, Cosio in primis, «in modo però più dinamico - precisa il comandante della polizia municipale morbegnese, Paolo Tarabini - nel senso che venerdì e sabato saranno garantiti i controlli ordinari, mentre la domenica le pattuglie si sposteranno secondo il piano della prefettura fra Talamona e Cosio Valtellino in base al bisogno».

La domenica quindi continuerà a essere il giorno maggiormente monitorato dalle 17 alle 23. Sabato e domenica poi sarà imposto il lampeggiante al semaforo prima della rotonda a Morbegno in modo da non creare ulteriori tappi. Continueranno a garantire la loro presenza polizia stradale, carabinieri, corpo forestale, guardia di finanza, guardie provinciali. La polizia municipale dei vari Comuni della Bassa valle , invece, sarà sul campo il fine settimana del 18 agosto, quello più delicato in termini di passaggio di auto.

Resteranno sorvegliati speciali il comune di Cosio , ma anche il traffico verso Traona e la sua strada Valeriana vocata storicamente a via di fuga del traffico che si inceppa sulla Statale 38; poi bisognerà tenere d’occhio il passaggio dei mezzi sulle rotatorie di Cosio e Morbegno e l’attraversamento delle auto nella città del Bitto , quindi la zona del viadotto del Tartano a Talamona, ma anche l’immissione del traffico a Delebio. Dal canto loro i Comuni si impegneranno nella tutela dei centri abitati, a Cosio ad esempio resterà in vigore la Ztl a Regoledo.

© riproduzione riservata