Tirano, viabilità più sicura con i nuovi apparecchi
Tirano archivia il vecchio telelaser per adottare il nuovo modello che rileva velocità e dati auto

Tirano, viabilità più sicura con i nuovi apparecchi

Il Comune doterà presto la polizia locale di un dispositivo per il rilevamento volante della velocità. L’anno prossimo saranno posizionate quattro colonnine sulle vie San Giuseppe, Elvezia e Lungo Adda IV Novembre.

Sicurezza sulle strade nel mirino a Tirano. Il comando della polizia locale ha provveduto all’acquisto di un nuovo telelaser, che arriverà entro la fine di questo mese, mentre il prossimo saranno acquistate anche quattro colonnine arancioni (trubox) per il rilevamento della velocità nelle vie cittadine. Partendo dal telelaser denominato trucam, che prevede un costo per il Comune di 15.573 euro, il nuovo strumento, a differenza del modello attualmente in dotazione, oltre al mero rilevamento della velocità di percorrenza dei veicoli sottoposti al controllo, esegue la documentazione fotografica del veicolo incorso nell’infrazione. E proprio questo aspetto è rilevante per la polizia locale. «Il vecchio telelaser, datato 2002, rilevando solo la velocità dell’automezzo si prestava a possibili contestazioni da parte dei trasgressori circa la veridicità del rilevamento - spiega il comandante, Fabio Della Bona -. Intendo dire che è capitato più di una volta che l’automobilista sostenesse che non avessimo puntato con il telelaser la sua macchina e che avessimo rilevato quella di chi era passato prima. Con la nuova strumentazione eviteremo queste contestazioni e chi guida la vettura multata non potrà far altro che pagare la contravvenzione».

Ma, obiezioni a parte, il nuovo telelaser sarà utile soprattutto per un incremento della sicurezza viabilistica in città a favore di chi è al volante, ma anche dei pedoni e dei ciclisti, sempre più numerosi. «Abbiamo intenzione di acquistare il prossimo anno quattro colonnine arancioni da posizionare in alcuni punti sollecitati dai cittadini, in quanto il limite di velocità non sempre viene rispettato - prosegue il comandante -. Il precedente telelaser sarebbe macchinoso da installare, invece con il nuovo strumento in pochi minuti saremo operativi con il servizio. Quanto ai luoghi che saranno coperti dai trubox (costo di 1.200 euro l’uno), parliamo principalmente di via San Giuseppe, via Elvezia e via Lungo Adda IV Novembre. Effettivamente in queste zone cittadine si sono verificate un po’ di problematiche che affronteremo con l’autovelox. Peraltro il mobiletto arancione, di cui ci doteremo prima della prossima estate, è più stretto e meno ingombrante di quelli già presenti in città, per cui sarà più semplice posizionarlo dove i marciapiedi non sono larghissimi».

Resteranno posizionati e, naturalmente, attivi sul territorio cittadino anche i dissuasori attualmente presenti che, a detta di Della Bona, «fanno il loro lavoro» innanzitutto come deterrente. «Chi viene, soprattutto da fuori Tirano, appena vede “arancione” rallenta - conclude -. Quindi proseguiremo con il rilievo della velocità in presenza dell’agente accertatore». Da sottolineare che il telelaser sarà utilizzato anche in occasione dei servizi programmati dal patto locale della sicurezza nel Tiranese.


© RIPRODUZIONE RISERVATA