Tirano, su via Ponticello un nuovo dissuasore
Via Ponticello, a Tirano, sarà dotata di un altro dissuasore di velocità per ridurre gli intervalli tra dossi

Tirano, su via Ponticello un nuovo dissuasore

L’ordinanza della polizia locale prevede la realizzazione del dosso per imporre i 40 chilometri orari. Il provvedimento è stato sollecitato dai residenti preoccupati per la velocità eccessiva delle auto in transito.

Maggiore sicurezza sulla strada della zona residenziale di Tirano oltre la ferrovia. Il comandante della polizia locale del Comune di Tirano, Fabio Della Bona, ha firmato un’ordinanza che prevede la posa in via Ponticello, in prossimità del civico 6, di un dosso artificiale installato su tutta la larghezza della carreggiata. Nel tratto di strada fra i cartelli stradali che indicano la presenza del dosso la velocità massima consentita sarà di 40 chilometri orari.

L’ordinanza segue alla deliberazione della giunta comunale, nella quale viene disposta l’istituzione del limite massimo di velocità di 40 chilometri orari previa disposizione del dosso rallentatore di velocità. Una decisione dovuta al fatto che spesso i veicoli transitano a una velocità troppo elevata per le caratteristiche della strada, creando così situazioni di pericolo per gli utenti deboli, ovvero pedoni e ciclisti.

«Avevamo già disposto un dosso in via Calcagno, più o meno dove inizia il parcheggio dei bus e un altro su via Primo Maggio - afferma il comandante -, ma ci siamo accorti che in quel tratto di strada, fra un rallentatore e l’altro, gli automobilisti comunque tendono ad accelerare. Peraltro, la carreggiata è larga e ciò pare incentivare l’aumento della velocità. Quindi abbiamo deciso di disporre un terzo dissuasore e ci auguriamo che, con questo provvedimento, i cittadini tengano a freno il piede sul pedale dell’acceleratore». Della Bona precisa che alcune persone hanno fatto notare direttamente in Comune il problema della velocità. «A fronte delle segnalazioni di cittadini che chiedevano una soluzione e visto che la strada in questione si trova in una zona residenziale, abbiamo deciso di porre rimedio in questo modo», conclude il comandante.

Restando in tema di viabilità Della Bona ha disposto la chiusura, per il periodo invernale, delle strade di competenza dell’ex consorzio interprovinciale stradale Trivigno-Mortirolo che non sono coperte dal servizio di spazzamento della neve. Il riferimento va alla strada fra Cologna e Trivigno e quella che collega Trivigno con Guspessa, fra l’ex colonia e il confine con il Comune di Corteno Golgi, dove l’assenza della pulizia dalla neve rende pericoloso il transito veicolare. Le strade saranno chiuse dal 15 novembre fino al 15 aprile; l’attuazione dell’ordinanza avverrà anche tramite la transennatura delle strade e il posizionamento dei segnali stradali a cura dell’ufficio tecnico comunale, quanto mai necessari visto che, in passato, alcune macchine - forse ingannate dal navigatore - si sono comunque avventurate su queste strade, nonostante la chiusura, per poi rimanere bloccate su neve e ghiaccio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA