Tirano, nuovi passi avanti per la tangenziale: l’appalto si avvicina
Franco Spada

Tirano, nuovi passi avanti per la tangenziale: l’appalto si avvicina

«Dopo un’intensa attività di coordinamento avviata la scorsa settimana – annuncia il sindaco Spada -, il ministero ha convocato a Roma la conferenza dei servizi finale per l’approvazione definitiva del progetto della tangenziale di Tirano per il prossimo 7 marzo.

Da qualche settimana il sindaco di Tirano, Franco Spada, attendeva la notizia e ora è finalmente arrivata. «Dopo un’intensa attività di coordinamento avviata la scorsa settimana – annuncia Spada -, il ministero ha convocato a Roma la conferenza dei servizi finale per l’approvazione definitiva del progetto della tangenziale di Tirano per il prossimo 7 marzo. Successivamente ci sarà il passaggio finale al Cipe (Comitato interministeriale di programmazione economica) previsto entro fine marzo. Dopodiché si potrà festeggiare, perché tutto il plico passerà ad Anas per l’attuazione del progetto».

Un cronoprogramma di cui Spada si sente particolarmente fiero. E spiega il perché: «La partenza dell’impegno per concretizzare un’opera attesa da decenni è stato, per quanto mi riguarda, nel giugno 2014 con un progetto fermo in un cassetto da quattro anni e zero euro di risorse disponibili – prosegue il primo cittadino-. Sono stati per me questi trascorsi anni di lavoro silenzioso con alcuni momenti di ansia, sconforto e stanchezza per procedimenti complessi che non dipendono dagli enti locali. Rimane sempre la grinta e la caparbietà caratteristica dei valtellinesi con la quale è stata seguita tutta l’evoluzione e lo sviluppo delle fasi dell’opera. Siamo ormai alla fine è tra poco potremo dire che è fatta».

Un’altra notizia positiva, secondo il sindaco, è che Anas ha proceduto all’identificazione del gruppo di otto società di ingegneria che si occuperà della progettazione esecutiva della tangenziale con capofila lo studio Corona di Torino.

Si comincia a vedere la fine, insomma, del burrascoso progetto. A metà dicembre, lo ricordiamo, c’era stata una riunione a Roma al Consiglio superiore dei lavori pubblici, che – dopo lo stop della scorsa estate - aveva dato una serie di prescrizioni sul progetto da aggiornare nel progetto definitivo o prima dell’affidamento dei lavori. Il Cslp non aveva espresso un parere né positivo, né negativo. Aveva però indicato alcuni affinamenti da apportare al progetto per quanto riguarda aspetti geologici e idraulici e alcune verifiche strutturali.

A questo punto anche i senatori valtellinesi, Benedetto Della Vedova e Mauro Del Barba, in una nota congiunta, esultano in vista del traguardo del 7 marzo: «Come abbiamo sempre detto - scrivono -, le risorse economiche per la tangenziale di Tirano sono già interamente disponibili: il ritardo di questi mesi è stato solo procedurale. Proprio per questo abbiamo lavorato affinché, dopo la conferenza dei servizi che darà parere definitivo sul progetto, il passaggio successivo al Cipe si tenga in tempi rapidissimi, per dare via libera all’appaltabilità dell’opera. Il fatto che Anas abbia già identificato la società di ingegneria che si occuperà della progettazione esecutiva dell’opera consentirà un’ulteriore accelerazione dei tempi necessari per giungere all’appalto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA