Tir fuori strada blocca la 36 per cinque ore
La neve ha creato problemi in Valchiavenna e sul Campone a Tirano

Tir fuori strada blocca la 36 per cinque ore

Disavventura senza conseguenze, se non sulla circolazione delle auto, ieri mattina per un autotrasportatore in Valchiavenna

Ha perso il controllo del mezzo ed è finito con la motrice in mezzo ai prati, bloccando completamente il traffico. Disavventura senza conseguenze, se non sulla circolazione delle auto, ieri mattina per un autotrasportatore. Tutto è avvenuto quando erano passate da pochi minuti le 11 e sulla Valchiavenna stava scendendo una copiosa nevicata.

Sulla strada un sottile manto di neve sufficiente, però, a far slittare l’autoarticolato. Il luogo dell’incidente è la zona della Porettina, tra gli abitati di San Cassiano di Prata Camportaccio e Somaggia di Samolaco. Sul posto sono intervenuti, oltre al mezzo che ha dovuto recuperare il camion, pattuglie di carabinieri e polizia stradale. I disagi per la viabilità sono stati abbastanza pesanti. Per circa cinque ore la statale 36 è rimasta chiusa e il traffico deviato sulle comunali e incanalato lungo la Provinciale Trivulzia. Momenti di difficoltà per molti viaggiatori lungo la viabilità maggiore, ma anche sulle strade comunali e di collegamento tra un nucleo abitato e l’altro. Problemi anche sul Campone a Tirano, con due tir che viaggiavano senza gomme da neve e che hanno “pattinato” pericolosamente all’indietro sulla statale, e lungo la Valeriana nel Morbegnese, con alcune auto uscite di strada.

Segnalazioni parlano di un tempo di percorrenza tra Chiavenna e il trivio di Fuentes di circa un’ora e mezza. Sulla Valchiavenna la neve ha smesso di scendere quando ormai era passata l’una. Nel pomeriggio le strade risultavano perfettamente pulite e il traffico ha potuto scorrere senza particolari problemi. Anche Sondrio è stata interessata da una fitta nevicata ieri mattina e precipitazioni nevose si sono avute in tutte le località di fondovalle. Tanta neve anche a Livigno, Aprica, Madesimo, Valfurva, Bormio e Chiesa in Valmalenco, dove hanno iniziato a funzionare a pieno regime quasi tutti gli impianti di risalita che servono le piste da sci.

La polstrada del Comando provinciale di Sondrio ha avvertito anche ieri che i valichi alpini sono transitabili unicamente con catene da neve montate.


© RIPRODUZIONE RISERVATA