Terza dose a gennaio  Asst trova il rimedio:  «Ora 8 mila posti liberi»
Sono molte le richieste della terza dose tra gli over 60 (Foto by gianatti)

Terza dose a gennaio

Asst trova il rimedio:

«Ora 8 mila posti liberi»

Vaccinazioni. Dopo la segnalazione delle attese, trovati spazi per i richiami in novembre e dicembre. Chi ha già prenotato può annullare l’appuntamento

Ottomila posti liberi per le terze dosi del vaccino anti Covid. L’annuncio fatto ieri da Asst arriva all’indomani della denuncia proprio su queste colonne sulle attese di due mesi prima di poter fare il secondo richiamo.

Gli 8 mila “slot” per le terze dosi agli over 60 e e a chi ha ricevuto il vaccino monodose Johnson sono a disposizione tra novembre e dicembre. Una buona notizia mentre la campagna vaccinale in provincia di Sondrio procede al ritmo di circa 3.600 somministrazioni alla settimana.

Un numero in linea con quanto indicato da Regione Lombardia, in ragione della disponibilità dei medici vaccinatori e delle aperture dei centri vaccinali che, a differenza della prima fase della campagna massiva, non sono operativi tutti i giorni. La disponibilità dei posti liberi varia a seconda dei centri vaccinali: a Sondrio e Morbegno, i centri maggiori, le richieste sono più alte rispetto ad esempio, a Villa di Tirano, dove questa settimana ci sono oltre 80 posti liberi per terza dose e chi prenota oggi può già vaccinarsi giovedì prossimo.

Ed è per questo motivo che si era creato il problema delle attese: nei giorni scorsi per un over 60 che intendeva ricevere la terza dose la prima e unica data disponibile era il 23 dicembre, dopo di che si andava a gennaio, quindi fra due mesi. E questo per una persona che aveva ricevuto la seconda dose più di sei mesi fa, e che quindi sarà vaccinata otto mesi dopo il primo richiamo.

Il calendario ora è stato aggiornato e chi ha prenotato può annullare l’appuntamento, sempre tramite il portale di Poste italiana utilizzato per la prenotazione, poi cercare una data più vicina o più comoda. Non si tratta di uno “switch” veloce come quello previsto per le seconde dosi, quando si poteva scegliere automaticamente una data diversa, antecedente o successiva a quella della prenotazione, ma è pur sempre fattibile.

L’Asst, comunque, fa sapere di tenere sotto controllo la situazione e, in presenza di un aumento delle richieste, si dice pronta a organizzare nuove aperture che vengono messe a disposizione in tempo reale per chi si deve prenotare. A volte possono capitare dei disguidi e il sistema propone appuntamenti in Valcamonica o in provincia di Como, il consiglio è quello di riprovare il giorno successivo.

Qualora ci fossero difficoltà nella prenotazione, inoltre, si può sempre chiamare il numero verde regionale 800 894 545 che aiuta a trovare una soluzione. «Molti medici vaccinatori sono tornati ai loro impegni negli ospedali e negli ambulatori per soddisfare le richieste di pazienti e utenti e smaltire le liste di attesa - spiega il direttore sociosanitario Paolo Formigoni -, dunque non possiamo garantire gli stessi numeri del periodo estivo. Cerchiamo comunque di aprire posti nel Centri Vaccinali sulla base della saturazione degli stessi, in linea con quanto indicato da Regione Lombardia, con l’obiettivo di fornire una risposta in tempi brevi a tutte le persone che si prenotano. Il vaccino ha dimostrato tutta la sua efficacia ed è fondamentale iniziare il percorso vaccinale e concluderlo con la terza dose, per questo motivo la struttura aziendale è impegnata con medici, infermieri e personale amministrativo per soddisfare tutte le richieste» .


© RIPRODUZIONE RISERVATA