«Terreni pronti da coltivare: fatevi avanti»
I terreni sistemati dal Comune sono quelli che si trovano sotto il campo sportivo

«Terreni pronti da coltivare: fatevi avanti»

Disponibili a Ponte 10.800 metri quadrati sistemati dal Comune grazie al progetto “Più più più”. Il sindaco Biscotti: «Canone annuo simbolico di 100 euro, l’obiettivo è salvaguardare il bene e valorizzare l’area».

Per chi fosse interessato a coltivarli, sono disponibili a Ponte in Valtellina 10.800 metri quadrati di terreno terrazzato che, in questi ultimi mesi, sono stati sistemati dall’amministrazione comunale, grazie al progetto “Più più più”. Il Comune di Ponte ha pubblicato il bando di gara, mediante procedura aperta, per l’affidamento in concessione del terreno che si trova sotto il campo sportivo comunale. Finalità della concessione innanzitutto la salvaguardia e tutela del bene e la valorizzazione dell’area con coltivazioni agricole a basso impatto ambientale, in relazione alla posizione del terreno, localizzato in prossimità del centro sportivo e del complesso scolastico comunale. Inoltre si punta alla gestione di attività agricole che consentano la coltivazione e la manutenzione di tutta l’area nel tempo con la valorizzazione del terreno e la conservazione dei caratteristici muri di sostegno dei terrazzamenti ed, infine, al sostegno all’occupazione giovanile.

«Abbiamo lasciato larga la maglia delle possibilità di coltivazione perché ci auguriamo che ci sia una buona risposta al bando – spiega il sindaco, Franco Biscotti -. In ogni caso si prevede l’istituzione di una commissione in modo che l’intervento sia adeguato al luogo. A noi interessa, in prima battuta, che quest’area che abbiamo sistemato resti ordinata e a posto sotto il profilo paesaggistico e ambientale. Per questo il canone annuo è davvero simbolico, solo 100 euro. Inoltre la durata della concessione è di trent’anni, in modo che possa consentire un investimento di medio termine a chi è interessato a prendere in affitto il terreno».

L’opportunità di sistemare questi terreni, incolti da qualche anno, è venuta dal progetto “Più più più” del costo complessivo di 100mila euro, di cui 60mila euro da fondazione Cariplo e 40mila euro cofinanziati dal Comune di Ponte, che hanno previsto la sistemazione e manutenzione di tutta l’area con il taglio della vegetazione presente e la rimozione della vetusta tettoia posizionata all’interno. Una volta conclusa la riqualificazione dei terreni, è arrivato la parte più delicata: quella della destinazione del fondo.

«I lavori di riqualificazione si sono conclusi – conferma Biscotti -. Manca solo la ricostruzione di qualche muro, interrotta per via della stagione invernale». I soggetti ammessi al bando sono imprese, società, cooperative, imprenditori agricoli, società agricole, coltivatori diretti, associazioni e fondazioni, consorzi, raggruppamenti di soggetti. In caso di aggiudicazione della concessione, l’aggiudicatario dovrà prestare una polizza assicurativa di responsabilità civile verso terzi per un massimale di 100mila euro. Il termine di presentazione delle offerte, che vanno inviate al Comune di Ponte (via Roma 12), è il 15 febbraio, mentre la seduta pubblica di qualificazione dei concorrenti è fissata il 2 marzo. Il bando è disponibile sul sito internet del Comune (www.comune.ponteinvaltellina.so.it).

Informazioni si possono reperire scrivendo a [email protected] oppure [email protected]


© RIPRODUZIONE RISERVATA