Tentano la spaccata in pieno centro a Morbegno: in fuga per le urla dei vicini
La vetrina della ferramenta Bonetti di piazza Marconi

Tentano la spaccata in pieno centro a Morbegno: in fuga per le urla dei vicini

Due giovani verso le tre di notte hanno cercato il colpo alla ferramenta Bonetti. Assalto alla vetrina a colpi di mazza, ma i residenti di piazza Marconi li hanno fatti scappare.

Tentano la spaccata alla ferramenta, ma vengono messi in fuga dai vicini. É andata male ai due ladri che nella notte fra domenica e lunedì hanno cercato di rubare nel cuore del centro cittadino in piazza Marconi - che si congiunge con via Garibaldi - alla ferramenta Bonetti, storico negozio morbegnese specializzato nel settore dell’utensileria, della minuteria, della sicurezza e dei casalinghi.

Gli autori del gesto sarebbero due ragazzi che sono fuggiti in bicicletta dopo aver colpito a mazzate la vetrina e prima di commettere il furto, perché costretti a scappare intimoriti dalle urla dei vicini, svegliati dal frastuono che ha interrotto d’un tratto e bruscamente il silenzio della notte nella raccolta piazzetta del centro storico. Che non si sia trattato di un semplice atto di vandalismo lo confermerebbero proprio i movimenti dei due malintenzionati «che prima, come ci hanno riportato i vicini – spiega Simone Bonetti, titolare dell’esercizio commerciale che ha sporto denuncia ai carabinieri contro ignoti - si sono avvicinati al negozio cominciando a fare rumore. Erano circa le due di notte, un’oretta più tardi sono tornati sul posto armati di una mazza con la quale hanno spaccato la vetrina».

«Ringraziamo chi abita nei dintorni - afferma Bonetti -, che ha sentito tutto e ha impedito che avvenisse il furto, facendo scappare i due in sella a una bicicletta». Il colpo quindi non è andato a buon fine, sebbene la vetrina sia andata in pezzi, ma ieri era già stata sistemata dai negozianti che non hanno subito ulteriori danni alla merce esposta nello spazio che si affaccia sulla piazza.

Di recente in Bassa Valle sono stati segnalati furti nel vicino comune di Talamona, dove la minoranza comunale ha chiesto di intensificare il sistema di videorveglianza. Il fenomeno dei furti è stato confermato dalla giunta che non sta trascurando il problema e sta pensando di proseguire, come fatto in questi anni, nel miglioramento degli impianti di videosorveglianza.

Che l’impiego di mezzi elettronici per monitorare i Comuni sia un’arma efficace contro il proliferare dei furti domestici e non solo lo dimostrano anche gli investimenti generali sulla videosorveglianza in Bassa Valle, dove esiste il progetto varato dal 2016 dalla Comunità montana di Morbegno. Un progetto che si arricchisce di sette nuove postazioni, oltre alle otto già attive, con telecamere che rilevano le targhe delle auto in transito ed effettuano riprese sulle zone circostanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA