Tenta una rapina nell’oreficeria  I presenti reagiscono: arrestata
L’orificeria di Chiavenna nella quale c’è stato ieri mattina il tentativo di rapina

Tenta una rapina nell’oreficeria

I presenti reagiscono: arrestata

La donna era entrata con una pistola ad aria compressa

La titolare, la figlia e una cliente però non si sono lasciate intimorire

Si è presentata nel’oreficeria Vitali con una pistola ad aria compressa. L’obiettivo era chiaro: andarsene con una borsa piena di gioielli. Ma sulla propria strada ha trovato la titolare del negozio, la figlia e una cliente che l’hanno immobilizzata e fatta arrestare. Ieri all’ora di pranzo una giovane donna residente in Valchiavenna ha cercato di rapinare l’orificeria nella parte alta di via Dolzino. Poco dopo le 12, ha varcato la soglia della gioielleria con un’arma in pugno. Ha minacciato le tre donne presenti con la pistola ma non ha fatto i conti con la prontezza di riflessi e il coraggio, davvero esemplare, della titolare.

Quando si è accorta di avere di fronte un’arma ad aria compressa, infatti, la proprietaria, con l’aiuto delle altre due persone presenti, ha fatto in modo di immobilizzare la rapinatrice. Proprio in quel momento una pattuglia del Radiomobile della compagnia dei carabinieri di Chiavenna si trovava nel centro città: i militari sono intervenuti e hanno portato la donna in caserma. L’autorità giudiziaria ha disposto per la rapinatrice, che non ha precedenti – sulla base della valutazione di varie circostanze personali - gli arresti domiciliari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA