Sabato 23 Agosto 2014

Tasse non pagate,

giro di vite a Novate

Tutti d’accordo in consiglio: occorre avviare verifica per accertare se ci sono evasori.

«Inizieremo una vasta operazione di verifica, partendo dalle bollette non pagate nel corso degli anni. Abbiamo moltissimo lavoro da fare con i nostri uffici su questo fronte, perché ci sono delle situazioni di inadempienza grosse». Si fatica a pagare le bollette a Novate: rifiuti, acqua e persino l’Imu. La questione già sollevata in passato è tornata d’attualità durante l’ultima seduta del consiglio comunale di Novate Mezzola tenutasi giovedì sera.

Una discussione accesa dalla minoranza capitanata da Sandro Colzada, che ha criticato la scelta della maggioranza di introdurre la Tasi, la tassa sui servizi indivisibili. Un tributo che andrà a incidere per 90mila euro: «L’introduzione della Tasi comporterà un esborso per i cittadini di Novate di 90 mila euro. Credo che ci sia la possibilità di reperire queste risorse altrove. Ad esempio mi risulta che sulle aree poste all’interno degli ambiti di trasformazione previsti dal nostro Piano di Governo del Territorio non venga pagata l’Imu».

Un’osservazione che ha causato la replica stizzita del sindaco Mariuccia Copes: «Non capisco come faccia Colzada a sapere che negli ambiti di trasformazione non viene pagata l’Imu. É un dato che stiamo verificando, così come stiamo verificando il resto per quanto riguarda tutti i tributi comunali».

© riproduzione riservata