Tartano, in arrivo il commissario
Il Comune di Tartano: la Prefettura ha disposto il commissariamento

Tartano, in arrivo il commissario

Lo ha deciso la Prefettura dopo il provvedimento del Tar Il sindaco Barbetta: «È una sospensiva, faremo valere le nostre ragioni». L’opposizione: «Giustizia è fatta»

Disposto dalla Prefettura il commissariamento del comune di Tartano dopo il provvedimento del Tar della Lombardia che ha sospeso l’attività della giunta. Sulla base del ricorso proposto da Piergiorgio Gusmeroli, Giuseppe Vitale e Luigi Tripiciano che hanno chiesto l’annullamento di tutti i provvedimenti del sindaco sospeso Oscar Barbetta a partire dalla nomina della giunta comunale del 27 maggio, il tribunale amministrativo ha sospeso sia l’efficacia della nomina della giunta, sia tutti i provvedimenti successivi e ha stabilito la trattazione collegiale in camera di consiglio per l’11 settembre.

L’iter prevede che la Prefettura, sulla base del provvedimento del Tar e solo dopo la notifica formale dell’atto, proceda a un ulteriore decreto al quale si stava lavorando ieri, dopo un confronto con il ministero dell’Interno. Sarà un commissario, nominato tra i funzionari della Prefettura stessa, a fare le veci del sindaco e dell’amministrazione comunale almeno fino al nuovo pronunciamento del Tar atteso tra un mese. «Si tratta di una sospensiva – sottolinea il sindaco sospeso dall’incarico Barbetta – in attesa dell’udienza dell’11 settembre in cui faremo valere le nostre ragioni, visto che per ora il Tar ha valutato soltanto il ricorso presentato dalla minoranza». I ricorrenti del gruppo all’opposizione scelgono di lasciar parlare i documenti, anche se sostengono che «giustizia è stata fatta».


© RIPRODUZIONE RISERVATA