Venerdì 21 Marzo 2014

Tangenziale di Tirano

Crosio interroga Lupi

La tangenziale di Tirano approda sul tavolo di Lupi

«Vogliamo avere la certezza che i finanziamenti e i ribassi d’asta ci siano davvero».

A portare la questione della tangenziale di Tirano sul tavolo del Governo è l’interrogazione del senatore leghista Jonny Crosio al ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi. Crosio, valtellinese e militante dello stesso partito (la Lega Nord) è stato dunque il primo fra i senatori espressi dal territorio - a palazzo Madama ci sono anche il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova e il renziano Mauro Del Barba - ad accogliere l’appello lanciato dal presidente della Provincia Massimo Sertori che, soltanto pochi giorni fa, aveva invitato i rappresentanti del territorio a Roma a raccogliere le informazioni relative allo stato dei finanziamenti della tangenziale di Tirano, una delle opere strategiche per la viabilità valtellinese, di cui esiste già il progetto. «Una nota del senatore Del Barba ci fa sapere che ci sono 57.548.000 non ancora assegnato - le parole di Sertori -; questo significa che, se confermata la cifra, la tangenziale di Tirano è finanziata: ora però è necessario verificare in fretta l’ufficialità della somma, per fare in modo che quei soldi non finiscano altrove».

Il senatore Crosio ha chiesto al ministro Lupi di verificare la disponibilità dei 57,5 milioni di euro dalla Finanziaria 2006 e la possibilità di utilizzare i ribassi d’asta provenienti dalle gare d’appalto per il primo lotto della nuova statale 38 e per la tangenziale di Morbegno, pari a poco più di 85 milioni di euro: «Sulla base di queste cifre - precisa Crosio - avremmo risorse per oltre 142 milioni di euro, dunque più che sufficienti per procedere con l’appalto per la realizzazione della variante di Tirano».

© riproduzione riservata