Tamponi a Morbegno  E quarantena nell’ostello
Ostello pronto a ospitare le persone in quarantena

Tamponi a Morbegno

E quarantena nell’ostello

Da questa settimana prelievi e verifiche all’ospedale

Su segnalazione del medico di base

I tamponi adesso si fanno all’ospedale di Morbegno. Da questa settimana i prelievi utili a stabilire la positività al Covid -19 verranno effettuati al presidio sanitario morbegnese a favore di tutti gli abitanti della Bassa Valtellina.

«Mentre prima i tamponi venivano effettuati a casa, adesso nella nostra struttura vengono fatte le verifiche per il coronavirus – spiega il sindaco di Morbegno, Alberto Gavazzi - Adesso il medico competente di turno, l’azienda sanitaria , il medico di famiglia o della casa di riposo, segnala la persona che deve essere tamponata e la stessa riceverà un appuntamento con data e orario esatto della convocazione in ospedale».

A disposizione di chi dovrà essere sottoposto al test ci saranno i volontari della Croce rossa e della protezione civile « che provvederanno agli spostamenti del caso- ancora il sindaco -. Ovviamente per chi non si può muovere dalla propria abitazione, perché in condizioni di salute invalidanti, il servizio verrà erogato in loco quindi casa per casa».

Il Comune ha messo a disposizione spazi letto all’ostello per chi, non trovandosi in situazioni gravi, deve smaltire i giorni di quarantena obbligatoria e non ha la possibilità di farla a casa ad esempio per mancanza di spazi sufficienti utili a tutelare il nucleo familiare.

Da settimana scorsa, infatti, il Comune di Morbegno ha predisposto l’ostello per accogliere le persone in quarantena affette da coronavirus. Nello spazio, che si trova nel secondo chiostro dell’ex complesso conventuale S. Antonio, saranno messe a disposizione quattro camere. Questa porzione della storica dimora domenicana quattrocentesca , destinata a futuro ostello (ma al palo dal 2016, dopo la sistemazione di locali e arredo negli anni precedenti, e oggi oggetto di studio della nuova amministrazione comunale) potrebbe così diventare fruibile per la prima volta durante questa emergenza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA