Super 36, altro rischio. Un camion contromano sbaglia lo svincolo

Pericoli Paura ieri all’imbocco della Lecco-Ballabio. Un automobilista erbese diretto in Valsassina si è trovato di fronte un Tir appena uscito dal tunnel

Super 36, altro rischio. Un camion contromano sbaglia lo svincolo
Il camion che ieri mattina ha affrontato contromano il raccordo fra la 36 e la Lecco Ballabio

Di nuovo un veicolo contromano. Questa volta sulla rampa di raccordo fra la Statale 36 e la Lecco-Ballabio. Erano le 10.30 di ieri quando un automobilista diretto verso la Valsassina, si è trovato di fronte un camion che aveva appena imboccato in direzione vietata la bretella che collega la carreggiata nord del ponte Manzoni con la galleria per Versasio. Soltanto la bassa velocità dei due mezzi ha permesso di evitare lo scontro.

A raccontare il grave rischio corso è Alessandro Botta, 47 anni di Ponte Lambro, l’automobilista che stava andando in Valsassina per lavoro e si è improvvisamente trovato di fronte il bilico in contromano: «Dopo aver percorso la galleria Monte Barro in direzione Nord - racconta poco dopo l’accaduto - ho imboccato il raccordo per la Valsassina. La strada in quel punto diventa a un’unica corsia e compie un curvone verso sinistra che porta alla prima galleria della Lecco-Ballabio, a doppio senso di marcia. Terminata la curva, sempre sulla corsia unidirezionale di raccordo, mi sono trovato di fronte un camion contromano che aveva già percorso diversi metri».

Le velocità moderate hanno evitato l’incidente: «Quando ho visto il camion il primo pensiero che ho avuto è stato quello di aver commesso un errore, ma non era possibile, è una strada che faccio abitualmente. Fortunatamente io stavo procedendo a velocità moderata e il bilico, essendo in salita, andava piano, quindi ci siamo fermati a una decina di metri di distanza». Alla base sembra esserci una distrazione, con il camionista che ha svoltato verso sinistra scambiando il raccordo per un’uscita: «Credo si sia accorto dell’errore - conclude - soltanto quando mi ha visto. Si è bloccato, si è messo la mano nei capelli, ha messo le quattro frecce e pian pianino ha iniziato a fare retromarcia. Era una situazione moolto pericolosa perché io rischiavo di essere tamponato da una vettura che poteva arrivare dietro di me a velocità spedita, mentre il camion stava procedendo in retromarcia verso l’ingresso della galleria della Lecco-Ballabio, con un grande rischio per chi sarebbe potuto uscire in quel momento dal tunnel».

Una volta terminata la manovra, ha ripreso a percorrere la bretella che riporta sulla carreggiata Sud del ponte Manzoni. Se n’è andato senza fare nemmeno un cenno. Non voglio pensare cosa sarebbe potuto succedere se avesse percorso il curvone prima di accorgersi dell’errore».

Botta ha subito segnalato quanto accaduto alla Polizia.Fra giugno e luglio sono stati almeno sei i casi di auto in contromano avvistate sulla Statale 36, una delle quali ha anche percorso l’intero tunnel del Monte Barro in direzione opposta al consentito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA