Sulla nuova statale 38 ci sono anche i cartelli. E sono più dettagliati
I nuovi cartelli appena sistemati lungo la nuova statale 38

Sulla nuova statale 38 ci sono anche i cartelli. E sono più dettagliati

Stanno continuando i lavori lungo il cantiere. È iniziata l’installazione della segnaletica verticale. Ora è precisata pure l’indicazione “Morbegno ovest”

Mentre si sta attendendo la convocazione ufficiale da parte della Regione del collegio di vigilanza sulla nuova statale 38 (l’organismo politico dove si confrontano Anas, Regione, Provincia ed enti locali che fa sintesi sul grande cantiere della 38) che detterà i tempi di apertura della nuova strada, da qualche giorno gli automobilisti che transitano lungo la vecchia 38 si stanno accorgendo dei segni più visibili del nuovo tracciato stradale, sul quale si continua a lavorare. La cartellonistica che caratterizzerà il nuovo tratto della statale 38 che da Cosio Valtellino sbucherà al conoide del Tartano, nel comune di Talamona, è a buon punto come si può notare sulla parte esterna del cantiere, dove si sta ancora lavorando.

«Da qualche giorno - spiega il geometra Francesco Bongio, consulente esterno del Comune di Morbegno - è iniziata l’installazione della segnaletica verticale definitiva sulla variante della 38 di Morbegno. In particolare, in corrispondenza allo svincolo di Cosio Valtellino l’impresa Cossi (che ha in carico il cantiere della nuova viabilità valtellinese) ha posizionato i portali di pre segnalazione in uscita. Si può notare - precisa ancora Bongio - che Anas (titolare della strada statale) ha introdotto alcuni aspetti migliorativi: la denominazione dello svincolo è stata modificata da Cosio Valtellino, in Morbegno Ovest- Cosio Valtellino. I cittadini di Morbegno che vorranno accedere al centro città e diretti nella parte sud transiteranno verso la rampa di collegamento alla vecchia statale, mentre chi volesse raggiungere le frazioni retiche e la parte nord transiteranno sulla rotatoria in direzione Costiera dei Cech». Un’altra novità interessa i mezzi commerciali diretti nella zona industriale Morbegno-Talamona, «ai quali - precisa il consulente - viene indicato sui nuovi segnali di proseguire allo svincolo del Tartano, evitando il transito nel centro abitato di Cosio e Morbegno».

Gli addetti ai lavori sono intervenuti anche in altri punti: chi passa sull’attuale 38 ha potuto notare anche al di là della nuova rotonda realizzata vicino al conoide del Tartano a Talamona la sistemazione dei guardrail all’imbocco della galleria sulla quale spiccano le insegne luminose che ne indicano l’accesso. Sempre in quel punto, alzando ancora lo sguardo oltre l’imbocco della galleria, si possono vedere anche le murature accanto al versante montuoso.Tutti segnali che danno una fisionomia tangibile all’opera viabilistica che tutti attendono di vedere completata al più presto. I nove chilometri della strada oggi sono conclusi al 96%. Le opere si sarebbero dovute chiudere definitivamente a dicembre, quindi il 30 giugno, poi entro l’estate. Ora si spera per l’autunno, i bene informati parlano di fine ottobre- novembre per vedere le auto su strada almeno per la prima festività utile di quel periodo, a inizio dicembre con la ricorrenza di Sant’Ambrogio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA