“Street climbing”, la città sale in verticale

“Street climbing”, la città sale in verticale

Sono stati circa 300 i boulder, provenienti praticamente da tutto il Nord Italia, che hanno affollato il centro storico per prendere parte alla manifestazione di arrampicata “tra i muri della città”.

Da piazza Garibaldi, i partecipanti alla kermesse, che hanno indossato quasi tutti la maglietta gialla realizzata proprio per questa edizione del Sondrio Street Climbing, si sono sparpagliati per il centro storico di Sondrio cercando di affrontare al meglio ciascuno dei 36 punti del percorso messo a punto dall’alpinista, nonché vincitore dell’edizione 2014 della manifestazione, Matteo De Zaiacomo.

Il percorso ha portato i partecipanti ad arrampicarsi sui palazzi più prestigiosi: palazzo Pretorio, palazzo Martinengo, un blocco sponsorizzato dalla Valtellina Wine Trail in piazza Cavour, le sedi centrali di Banca popolare di Sondrio e Credito valtellinese sono state solamente alcune delle “conquiste” dei boulder, mentre tutti i sondriesi che hanno approfittato della bella giornata di sole per farsi una passeggiata in centro si fermavano e osservavano con un misto di ammirazione e sorpresa i boulder letteralmente a penzoloni sui muri cittadini.

Dopo che tutti i boulder hanno affrontato il percorso, solo i migliori hanno avuto accesso alle fasi conclusive della kermesse con la finalissima disputata sul campanile collegiata: a prevalere, alla fine, è stato Fabio Bellotti che ha sconfitto Renato Cotta. Nella categoria femminile a prevalere è stata Sara Caramella, mentre tra gli under 16 ha trionfato Riccardo Barbabianca.

.

© RIPRODUZIONE RISERVATA