«Strade pericolose a Morbegno, ci vuole un piano del traffico»
L’incrocio fra via Ganda e via Bertacchi, al centro della discussione

«Strade pericolose a Morbegno, ci vuole un piano del traffico»

L’opposizione ha evidenziato i rischi nelle vie Ganda, Bertacchi e Gregorini. Il sindaco: «Stiamo facendo un’analisi globale della situazione, importante la collaborazione».

Maggiore sicurezza sulle strade cittadine, ma anche concretizzazione del piano del traffico «di cui si continua solamente a parlare da mesi». Lo chiedono le minoranze consiliari che martedì sera si sono confrontate con l’amministrazione comunale nella commissione territorio.

È stato Franco Marchini dell’opposizione “Morbegno è ora”, a sottolineare la pericolosità per i pedoni all’incrocio fra via Ganda, via Bertacchi e rotonda Morelli. «Proprio con la creazione della rotatoria - ha detto Marchini - e il conseguente cambiamento nella viabilità, con l’accesso diretto fra la statale 38 e via Bertacchi si è creata una situazione a rischio per chi passa a piedi o in bicicletta e si trova accanto le auto che dalla 38 precedono spedite, per via del mancato effetto di rallentamento in questo punto della rotonda. Aspetto questo che già abbiamo avuto modo di evidenziare mesi fa, quando il problema si era acuito per via del transito di alunni e studenti».

Gli ha risposto il consigliere di maggioranza Giorgio Ciapponi, precisando di avere «effettuato personalmente il passaggio dagli uffici competenti e sopralluoghi in loco: l’intera amministrazione conviene che serve monitorare e analizzare possibilità di ulteriore messa in sicurezza del passaggio». Altro punto dolente l’incrocio di via Gregorini con via Passerini, dove la minoranza ha chiesto da tempo il posizionamento di uno specchio stradale a garanzia di una maggiore sicurezza, richiesta che la giunta ha inoltrato all’ufficio di polizia municipale in attesa della valutazioni tecniche del caso. L’opposizione ha chiesto conto del piano del traffico allo studio dell’amministrazione e utile a rivedere gli assetti viabilistici della cittadina. «Mi viene in mente a questo proposito il possibile cambio di senso di marcia di via Margna e Paravicini, annunciato nei mesi scorsi dall’assessore D’Agata, del quale non si sa ancora nulla - ha affermato Marchini -, ma in generale sarebbe importante essere informati e discutere del piano del traffico completo».

Una richiesta condivisa anche dalla minoranza di Fulvio Bottà, che ha domandato la «partecipazione di tutti nell’analisi globale del piano del traffico, evitando di studiare singole vie, concentrandosi invece in una visione d’insieme della città». Presente alla commissione, il sindaco Andrea Ruggeri ha fatto sapere che il piano del traffico è allo studio «proprio nella sua globalità negli uffici e conveniamo sull’importanza del dialogo e della collaborazione». Marchini ha pure segnalato i disagi riscontrati sul torrente Tovate all’altezza delle frazioni retiche di Morbegno, con i cattivi odori causati dal versamento del “troppo pieno” del collettore nuovo di Dazio che si riflettono sui problemi di fognatura. Una situazione della quale il Comune è a conoscenza e che verrà segnalata agli enti competenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA