Strada per lo Stelvio, da oggi traffico ok dalle 6,30 alle 8 e dalle 18 alle 19,30
La statale 38 dello Stelvio sarà riaperta in corrispondenza del km 113, nel territorio comunale di Bormio

Strada per lo Stelvio, da oggi traffico ok dalle 6,30 alle 8 e dalle 18 alle 19,30

Durante le fasce di apertura il transito sarà regolato dai movieri a senso unico alternato sotto il controllo continuo di una guardiania tecnica specializzata predisposta dal Comune di Bormio.

La statale 38 “dello Stelvio” sarà riaperta oggi in corrispondenza del km 113, nel territorio comunale di Bormio, nelle due fasce orarie giornaliere 6:30-8:00 e 18:00-19:30. In accordo e piena collaborazione fra gli enti territoriali coinvolti nella gestione dell’emergenza, durante le fasce di apertura il transito sarà regolato dai movieri a senso unico alternato sotto il controllo continuo di una guardiania tecnica specializzata predisposta dal Comune di Bormio.

La statale 38 “dello Stelvio” è stata interessata nel pomeriggio del 31 agosto e nella notte del 1° settembre da un fenomeno di caduta massi, alcuni dei quali hanno raggiunto la carreggiata stradale all’altezza del km 113. Il franamento, stimato in un volume complessivo superiore ai milleduecento metri cubi, è stato limitato dalle reti installate sul ciglio della strada e dai valli di contenimento, realizzati alla base della pendice rocciosa per raccogliere eventuali movimenti di frana.

Ultimate già nei giorni successivi all’evento franoso le ispezioni e la complessa attività di disgaggio dei massi instabili ad un’altezza di circa 300 metri sul versante, Anas ha immediatamente avviato le attività di installazione della rete paramassi che sarà realizzata lungo il fronte della frana in prossimità della sede stradale. I tecnici sono attualmente impegnati nella costruzione delle fondazioni della struttura, alta 5 metri e lunga 90, che in caso di nuovi distacchi impedirà ai frammenti di roccia di raggiungere la carreggiata e nel ripristino delle reti installate sul ciglio della strada, parzialmente danneggiate dal movimento franoso.


© RIPRODUZIONE RISERVATA