Statale 38, nessun ritardo nelle gallerie
Il cantiere della nuova strada

Statale 38, nessun ritardo nelle gallerie

Rispettato il cronoprogramma: entro 15 giorni attivati i cantieri su tutti gli imbocchi dei tunnel. E l’impresa Cossi Costruzioni spa invita a inoltrare reclami a chi accusa crepe causate dalle detonazioni

Proseguono le opere della nuova superstrada in Bassa Valle: da martedì si sparano gli esplosivi anche all’imbocco est della galleria a Paniga (al viadotto del Tartano), «in questo modo – spiega il tecnico esterno incaricato dal Comune di Morbegno per seguire la partita, Francesco Bongio - nel giro di una quindicina di giorni si lavorerà su tutti e quattro i fronti della galleria», dove al momento si è scavato per 600 metri da un lato e centodue dall’altro».

Bongio anticipa l’aggiornamento sullo stato del cantiere della superstrada, così come è stato annunciato nell’ultimo consiglio comunale dal sindaco Andrea Ruggeri che ha garantito informazioni periodiche alla popolazione sul grado di avanzamento dell’intervento viabilistico.

Che la superstrada stia prendendo forma fra la località Valletta di Traona e il conoide del Tartano, se ne stanno accorgendo in queste settimane non solo i residenti nel Morbegnese, ma anche gli automobilisti che si spostano sulla strada Valeriana dei Cech e sulla statale 38 dalla quale sono ben visibili, di giorno, ma anche col buio perché illuminati con le fotocellule, i varchi che si stanno creando nel versante retico della montagna dove passerà il tratto in galleria della superstrada. «Nel giro di 15 giorni – chiarisce Bongio - saranno attivati i lavori su tutti e quattro i portali della galleria, l’ultimo intervento è quello a Valletta- Selvapiana che verrà avviato subito dopo Pasqua».

Parallelamente si sta procedendo con la posa delle tubazioni fra il fiume Adda e il torrente Bitto all’altezza di Morbegno che nei prossimi mesi verranno utilizzati temporaneamente per transitare da una parte all’altra dei cantieri. «Nel mese di maggio – continua Bongio - si comincerà a lavorare, partendo dal lato Selvapiana est, al cuniculo di sicurezza pedonale che correrà parallelo alla galleria».

In base a questo aggiornamento delle opere il cronoprogramma dei lavori si sta rispettando e,salvo imprevisti, l’intervento del tratto sino al Tartano della superstrada si concluderà entro la fine del 2017, quando si chiuderanno i cantieri dove sono attualmente impegnati 100 lavoratori che si stanno concentrando sui quattro imbocchi della galleria (uno alla Valletta di Traona, due a Campovico e una sul Tartano).

Intanto il Comune di Morbegno da martedì ha diffuso gli avvisi pubblici invitando i cittadini che riscontrano danni agli edifici, quale conseguenza delle eventuali vibrazioni provocate dai brillamenti degli esplosivi utilizzati per gli scavi delle gallerie “Selvapiana” e “Paniga” a inviare una nota scritta alla ditta esecutrice Cossi Costruzioni SpA, piazza, Giuseppe Garibaldi n. 9; posta elettronica certificata: [email protected]


© RIPRODUZIONE RISERVATA