Speranza sul vaccino Covid  «Da gennaio gratis per tutti»
Il ministro Roberto Speranza

Speranza sul vaccino Covid

«Da gennaio gratis per tutti»

Il ministro lo ha detto al Senato nella mattinata di mercoledì 2 dicembre. È probabile che saranno necessarie due dosi per ogni vaccinazione, l’Italia ha opzioni per 202 milioni di dosi. Le prime dosi potranno cominciare ad essere disponibili da gennaio

L’acquisto del vaccino anti-Covid è centralizzato e sarà somministrato gratuitamente a tutti gli italiani. Lo ha detto il ministro Roberto Speranza al Senato nella mattinata di mercoledì 2 dicembre. È probabile che saranno necessarie due dosi per ogni vaccinazione, l’Italia ha opzioni per 202 milioni di dosi. Le prime dosi potranno cominciare ad essere disponibili da gennaio.

«Il vaccino è un bene comune - ha spiegato il ministro, un diritto che va assicurato a tutte le persone, alle donne e agli uomini, indipendentemente dal reddito e dal territorio nel quale ciascuno vive o lavora; nessuna diseguaglianza sarà ammissibile nella campagna di vaccinazione».

L’Italia ha opzionato «202.573.000 dosi di vaccino, che rappresenterebbero una dotazione ampia per poter potenzialmente vaccinare tutta la popolazione e conservare delle scorte di sicurezza. Abbiamo sottoscritto, infatti, per la parte che riguarda l’Italia, pari al 13,46%, tutti i contratti che l’Ue ha formalizzato. Non vogliamo correre neanche il più piccolo rischio di non poter disporre di un vaccino autorizzato prima di altri o che dovesse risultare più efficace, in conseguenza della scelta di non partecipare ad una delle acquisizioni stipulate dall’Ue».

Se tutti i processi autorizzativi andassero a buon fine , «cosa su cui non possiamo ancora avere certezza assoluta, l’Italia - ha precisato il ministro - potrebbe contare sulla disponibilità delle seguenti dosi: per il contratto con AstraZeneca 40,38 milioni di dosi, per il contratto con Johnson & Johnson 26,92 milioni di dosi, per il contratto con Sanofi 40,38 milioni di dosi, per il contratto con Pfeizer-BioNTech 26,92 milioni di dosi, per il contratto con CureVac 30,285 milioni di dosi, per il contratto con Moderna 10,768 milioni di dosi. Sono chiaramente numeri ancora subordinati a processi autorizzativi che non sono ancora completati».


© RIPRODUZIONE RISERVATA