Sondrio, tre squadre in campo e un unico obiettivo: vince la solidarietà
La squadra degli studenti protagonista della manifestazione svoltasi al campo di via Gramsci (Foto by foto gianatti)

Sondrio, tre squadre in campo e un unico obiettivo: vince la solidarietà

Studenti, detenuti e forze dell’ordine impegnati nel triangolare di calcio giocato in via Gramsci. Il ricavato della giornata devoluto all’Anffas di Sondrio.

Giornata di sport e di solidarietà ieri al campo comunale di via Gramsci di Sondrio. In un triangolare si sono affrontate una squadra di studenti valtellinesi, la formazione dei detenuti della casa circondariale di Sondrio e il team delle Forze dell’Ordine, rinforzato da alcuni sindaci e autorità locali, tra cui anche il presidente della Provincia Luca Della Bitta.

La manifestazione organizzata dall’Ufficio scolastico territoriale di Sondrio in collaborazione con Comune e Provincia di Sondrio, Bim, casa circondariale di Sondrio e dall’Arma dei carabinieri ha visto il successo della formazione degli studenti, che si sono imposti per 6-0 sui detenuti e per 4-0 sulle Forze dell’Ordine. Tutto si è svolto davanti a una buona cornice di pubblico e tanti bambini che si sono divertiti anche con gonfiabili e truccabimbi allestiti nell’occasione al campo sportivo del capoluogo.

L’autentica vittoria però è stata quella legata alla solidarietà: grazie alla Coldiretti e alla collaborazione di Rigamonti, Cantine Nera e Melavì, è stato allestito un rinfresco, il cui ricavato è stato devoluto all’associazione Anffas di Sondrio.

Un ulteriore contributo è arrivato dall’asta benefica andata in scena al campo con premi di tutto rispetto: la maglietta della Roma di Francesco Totti battuta a 350 euro, quella autografata da tutti i giocatori del Sondrio (100 euro), il pallone del Milan (130 euro) e la maglietta della Juventus (160 euro). «Sono contento e commosso - ha commentato Guido Mazzoni, presidente di Anffas Sondrio -. Ringrazio tutte le associazioni a cui va il merito dell’organizzazione di questa giornata». A fargli eco Stefania Mussio, direttrice della casa circondariale di Sondrio: «Una giornata unica, per noi e i detenuti essere qui è già una vittoria molto preziosa», nonché il vice sindaco di Sondrio Lorenzo Grillo Della Berta: «Una giornata come questa fa bene a noi stessi e all’intera comunità».

Così il presidente della Provincia Luca Della Bitta: «Oggi è una grande giornata, speciale. Grazie a tutti, complimenti e avanti così». Da segnalare anche la presenza del questore di Sondrio Gerardo Acquaviva e il messaggio di saluto fatto pervenire dal prefetto Giuseppe Mario Scalia. A condurre e a “dettare i tempi” della giornata di ieri sul campo di via Gramsci, lo speaker Fausto Molinari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA