Sondrio, il nuovo Skate Park è un’oasi per i giovani: «Ora abbiatene cura»
Lo Skate Park esisteva già, ora è stato ampliato, arricchito e reso più funzionale (Foto by Luca Gianatti)

Sondrio, il nuovo Skate Park è un’oasi per i giovani: «Ora abbiatene cura»

Tanti i ragazzi all’evento impreziosito dalla presenza di tre big della disciplina. Maffezzini: «Sentiero Valtellina sempre più attrezzato».

Un’area dove i giovani possano socializzare e fare sport e di cui, contemporaneamente, si prendano cura con responsabilità e senso civico: è stato inaugurato ieri pomeriggio lo Skate Park realizzato lungo il Sentiero Valtellina dalla Comunità Montana Valtellina di Sondrio anche grazie al contributo ottenuto dallo stesso ente da parte del credito sportivo, attraverso il Coni. Molti gli skater presenti proprio ieri che hanno potuto ammirare le evoluzioni di Daniele Galli, commissario tecnico della nazionale Italiana e, tra l’altro, originario di San Giacomo di Teglio e Andrea Casasanta e Fabio Colombo, due degli atleti della nazionale stessa.

I tre non soltanto hanno mostrato ai presenti (tra di loro anche molti bambini, segno del fascino che la disciplina esercita tra le più giovani generazioni) alcune evoluzioni con lo skateboard, ma hanno anche aiutato proprio ragazzi e bambini a prendere confidenza con le varie strutture e “trick” acrobatici. A tagliare il nastro, invece, dopo la benedizione di Don Valerio Livio, parroco della Beata Vergine del Rosario, Tiziano Maffezzini, presidente della Comunità Montana Valtellina di Sondrio: «Apriamo questa struttura - ha evidenziato Maffezzini - con grande piacere. Lungo una pista ciclabile così frequentata come il Sentiero Valtellina, ci siamo resi conto dell’importanza di avere spazi per praticare sport magari non “consueti”, ma che attirano molti appassionati. Lo Skate Park esisteva già, ora è stato ampliato, arricchito e reso più funzionale. Con questa struttura diamo un’opportunità ai giovani, ma li rendiamo anche responsabili, visto che sarà compito proprio di chi lo utilizza, prendersi cura dello Skate Park. Lo sport aiuta, fa crescere e fa stare insieme».

Lo Skate Park è stato progettato da Simone Cola che, per realizzarlo ha chiesto consiglio anche a Daniele Galli e ad altri skater valtellinesi. «È bello e opportuno - ha sottolineato l’assessore allo sport del Comune di Sondrio Michele Diasio - che sul Sentiero Valtellina ci siano aree dedicate ai giovani e a differenti discipline sportive. Siamo dunque particolarmente lieti di testimoniare la bontà di questa iniziativa». «Quest’area - ha fatto eco Franco Angelini, consigliere provinciale con delega al turismo - è stata realizzata non soltanto nell’ottica dell’attrattività turistica e sportiva, ma anche come servizio alla comunità e collettività che vive qui, per permettere ai giovani di sfogare la loro creatività». Un plauso è poi giunto anche dal delegato provinciale del Coni Ettore Castoldi.

Sabato prossimo ci sarà un’altra manifestazione ufficiale con il taglio del nastro del “Pump track” a Poggiridenti e, il 20 aprile, quella dell’Area fitness a Piateda.


© RIPRODUZIONE RISERVATA