Sondrio guadagna un deputato  È Silvana Snider della Lega
Silvana Snider con il deputato Ugo Parolo proprio nella campagna elettorale 2018

Sondrio guadagna un deputato

È Silvana Snider della Lega

aL’ex assessore provinciale della Lega sostituirà la comasca Locatelli, che passa al Pirellone

A poco meno di tre anni dai risultati delle urne del marzo 2018 e alla probabile vigilia di una crisi di governo, la piccola truppa dei parlamentari della provincia di Sondrio è pronta a rimpolparsi.

Silvana Snider, già assessore provinciale ai Lavori pubblici della giunta Sertori dal 2009 al 2014 e sindaco di Villa di Chiavenna di cui è stata anche consigliere, è in predicato di raggiungere alla Camera il compagno di partito Ugo Parolo, eletto direttamente nel collegio uninominale, oltre che l’altro deputato Mauro Del Barba di Italia viva.

Rimpasto

A favorire il suo ingresso a Montecitorio il rimpasto della giunta regionale Fontana dopo le ultime improvvide - diciamo così - affermazioni dell’assessore al Welfare Giulio Gallera. Tra le new entry dell’esecutivo lombardo sembrerebbe ormai del tutto certo esserci Alessandra Locatelli, già vice sindaco di Como e ministro della Disabilità e della Famiglia nel governo Conte I su diretta indicazione del segretario federale della Lega Matteo Salvini.

Locatelli per accettare l’incarico dovrà rinunciare al posto a Montecitorio aprendo così le porte all’ingresso di Silvana Snider, prima e unica, nel listino a quattro della Lega, dei non eletti nel collegio plurinominale del Lombardia 2, quello che mette Sondrio insieme ai collegi uninominali di Lecco, Merate, Cantù e Como per un totale di un milione di abitanti.

Cosa fatta

Di ufficiale non c’è ancora nulla, la certezza dovrebbe arrivare tra oggi e domani, ma la decisione sembra ormai cosa fatta. «Diciamo che ci stanno lavorando - si schermisce lei -, il mio segretario federale, che ho sentito, ci sta lavorando».

Se la scelta finale per l’assessorato alla Famiglia della giunta Fontana, come si dice, dovesse ricadere su Locatelli dubbi non ce ne sarebbero: nel collegio c’erano quattro candidati e Snider è l’unica rimasta fuori. «In politica non c’è nulla di certo fino all’ufficialità - aggiunge lei -, ma certo dietro di me non ci sono altri candidati».

Nata a Villa Di Chiavenna nel 1964, consulente per le pratiche dei lavoratori frontalieri, Snider, con un passato di militanza nell’Udc, è particolarmente vicina all’assessore Massimo Sertori che a palazzo Muzio, l’aveva voluta nella sua giunta provinciale per occuparsi di Lavori pubblici, manutenzione del territorio e Pari opportunità.


© RIPRODUZIONE RISERVATA