Sondrio e i vigneti, una grande bellezza: ecco il Wine Trail
Da sinistra: Massimo Sertori, Marco Scaramellini, Marco De Gasperi, Mauro Del Barba, Francesco Magliano

Sondrio e i vigneti, una grande bellezza: ecco il Wine Trail

Sabato 9 novembre. Attesi 2.500 runner da 33 nazioni. È stata riveduta la formula “by night”: le partenze delle due competizioni più lunghe saranno date alle 12.

Dopo il vernissage milanese a Palazzo Pirelli a metà giugno, il Valtellina Wine Trail è stato presentato ieri a Sondrio, al Ridotto del Teatro Sociale, alla presenza dell’assessore alla Montagna della Regione Lombardia Massimo Sertori, dell’onorevole Mauro Del Barba, del sindaco Marco Scaramellini, del vice presidente del Bim Fernando Baruffi, di Marco Bonat, segretario generale della Camera di commercio di Sondrio, e dei rappresentanti della stampa. Come spiegato da Marco De Gasperi, campione di corsa in montagna nonché ideatore dell’evento, tutto è ormai pronto per sabato 9 novembre.

Confermato il programma, che vede tre gare sulle distanze di 42, 21 e 12 km, per le quali sono attesi 2.500 trail runner provenienti da 33 differenti nazioni, tra cui Singapore, Stati Uniti e Nuova Zelanda, sostenuti da 250 volontari che, dietro le quinte, lavorano per il buon esito della manifestazione. Numeri alla mano, il Valtellina Wine Trail taglia il traguardo di questa settima edizione confermandosi tra gli appuntamenti più partecipati e internazionali del panorama trail, come dimostrano le iscrizioni andate regolarmente sold out con mesi di anticipo.

Un successo che si deve al suo percorso unico al mondo che si snoda fra vigneti, cantine e i borghi storici della valle, attraversando i terrazzamenti e i muretti a secco dichiarati Patrimonio immateriale dall’Unesco, con passaggi in dieci cantine dove si producono vini apprezzati in tutto il mondo. Rispetto alla precedente edizione, andata in scena in versione “by night”, le partenze delle due competizioni più lunghe saranno date alle 12. Una scelta calibrata sull’esperienza maturata lo scorso anno, che permetterà ai concorrenti di correre nelle ore più calde della giornata godendosi i colori dell’autunno nei filari di Valtellina e giungere in piazza Garibaldi a Sondrio in tempo per quella che, ormai, è diventata la grande festa di fine stagione.

Per la 12 km, invece, il via sarà dato alle 10 di mattina. Ciò permetterà anche ai runner della prova breve di essere accolti al traguardo con tutti gli onori del caso. Nell’ottica di creare un circuito mondiale che leghi tra loro grandi eventi di trail running e turismo enogastronomico, da quest’anno il Valtellina Wine Trail è gemellato con la Ribera Run Experience Spagna tenuta lo scorso 14 settembre (www.riberarun.com) e con la Ribera Run Experience Argentina del 14 dicembre (www.riberarunargentina.com).

Una bella idea che andrà ad ampliare ancora maggiormente gli orizzonti di quella che già oggi è la kermesse podistica più internazionale e partecipata di Valtellina. Sport turismo e valorizzazione del territorio non possono che sposare una filosofia green.

Un progetto e un’idea che gli organizzatori del Valtellina Wine Trail hanno portato avanti sin dalla prima edizione e che ora si concretizza con l’eliminazione della plastica sul percorso gara, al pranzo e alla cena finale. Proprio così, da quest’anno ogni concorrente sarà munito di un apposito bicchiere con il quale rifocillarsi nei vari ristori disseminati lungo il percorso. In zona arrivo, pranzo e cena saranno invece serviti con stoviglie totalmente biodegradabili. Un piccolo gesto che lancia un messaggio importante.


© RIPRODUZIONE RISERVATA