Sondalo, la maxi cerimonia delle borse di studio: sono 45 i premiati
Il sindaco Grassi con il gruppo dei neo laureati cui è andato l’assegno

Sondalo, la maxi cerimonia delle borse di studio: sono 45 i premiati

Consegnati 20 assegni a ragazzi delle superiori, 13 a studenti universitari e 12 ad altrettanti neolaureati. Emozionato Grassi: «Ultima volta da primo cittadino».

Che l’assegnazione delle borse di studio sia diventata una pratica ormai comune in molte località della provincia è risaputo, ma non è altrettanto scontato come questo premio venga assegnato in quel di Sondalo dove sono addirittura 45 gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado e dell’università cui sono andate ricche borse di studio.

La cerimonia, diventata una tradizione per Sondalo, dura da 12 edizioni e ogni anno raduna i migliori studenti che si sono contraddistinti a livello scolastico. Durante la serata sono stati consegnati 45 assegni: 20 per gli studenti delle scuole secondarie del valore di 300 euro, 13 per gli studenti universitari del valore di 500 euro e 12 per i neolaureati del valore di 500 euro. Il Comune, considerata la rilevanza della cerimonia, come ogni anno, ha invitato a premiare gli studenti, alcune persone legate a Sondalo che si sono contraddistinte nel panorama culturale, sociale e professionale.

Gli ospiti chiamati per questa edizione sono stati la Elena Panizza, dirigente dell’Istituto comprensivo di Grosio Grosotto Sondalo, Gisi Schena, presidente della commissione della biblioteca civica e ricercatrice del Centro studi storici Alta Valtellina accompagnata dal collega, nonché segretario dell’associazione, Dario Cossi, entrambi impegnati da molti anni con il Comune nell’organizzazione di iniziative culturali e soprattutto nella collaborazione al “Concorso di poesia dialettale per la provincia di Sondrio e Grigioitaliano”.

Grande emozione per il sindaco di Sondalo, Luigi Grassi: «Questa per me sarà l’ultima cerimonia delle borse di studio da primo cittadino – ha detto -, dopo 10 anni di mandato e sono molto contento di poter riconoscere il valore dello studio e di premiare questi ragazzi che con passione e dedizione hanno ottenuto risultati brillanti. Per la nostra comunità, questa cerimonia rappresenta un motivo di forte orgoglio perché si celebra l’eccellenza. Il numero degli studenti premiati quest’anno è stato superiore, soprattutto tra i laureati e questo ci rende particolarmente fieri perché dimostra che i giovani, attraverso lo studio, sono pronti a impegnarsi per il loro futuro lavorativo e personale».

L’assessore all’Istruzione Luca Della Valle ha parlato di investimento importante a favore dei giovani: «Abbiamo sempre avuto attenzione al mondo della formazione scolastica, perché riteniamo che la scuola debba sempre rappresentare un valido punto di riferimento della comunità per la crescita umana e didattica, dando le giuste nozioni ma allo stesso tempo aiutando anche i giovani a stimolare e sviluppare un proprio pensiero, uno spirito critico e ad interessarsi alla comunità e ai suoi bisogni. Complimenti a tutti i premiati per il vostro brillante avvenire».


© RIPRODUZIONE RISERVATA