Sondalo, due giorni alla scoperta della cava di quarzo

Sondalo, due giorni alla scoperta della cava di quarzo

Ora la cava di quarzo sopra l’ospedale Morelli non ha più segreti. Si è svolta, lo scorso fine settimana, a Sondalo la prima edizione del “European Minerals Day”, un grande appuntamento dedicato alla divulgazione culturale e scientifica delle pratiche minerarie.

La Società Minerali Industriali, con il patrocinio del Comune di Sondalo e in collaborazione con il Museo dei Sanatori, l’Apt Sondalo e l’associazione Giovani Frontale, ha deciso di aderire alla rassegna europea, aprendo le porte della cava di quarzo in sotterraneo, in località Bosco del Sasso posta sul versante di Sortenna, sopra l’abitato di Sondalo. La miniera, attiva sul territorio a partire dalla metà degli anni 60, viene oggi coltivata in sottosuolo ed il minerale estratto equivale a circa 60mila tonnellate di quarzo all’anno.

La prima giornata di apertura dell’evento è stata dedicata alle famiglie dei dipendenti e alle autorità del territorio. Gli invitati hanno avuto l’occasione di visitare la cava dall’interno, guidati da operatori esperti che hanno mostrato loro i percorsi sotterranei e il lavoro portato avanti ogni giorno dallo stabilimento.

Al termine delle visite guidate i partecipanti sono stati invitati nella sala conferenze del Museo dei Sanatori per assistere alla proiezione di un documentario inedito, realizzato lo scorso anno dagli studenti della Civica Scuola di Cinema “Luchino Visconti” di Milano, trattante la storia dei “Minör” di Frontale citati anche nella famosa canzone di Davide Van de Sfroos, con testimonianze toccanti di questo mestiere antico e faticoso. La giornata si è conclusa con una cena conviviale nella casa parrocchiale di Fumero a base di prodotti tipici valtellinesi.

Sabato mattina ci sono stati tre turni di visite guidate aperte al pubblico della durata di un’ora circa. In questo modo i partecipanti, provenienti dalla comunità locale e non, hanno avuto modo di toccare con mano una realtà di cui avevano sempre e solo sentito parlare, di scoprire quei tunnel sotterranei e luoghi affascinanti che, fino a prima, potevano solamente immaginare.

Grande entusiasmo da parte del pubblico per questa iniziativa e sono state numerose le richieste di partecipazione, tant’è che i posti a disposizioni si sono esauriti nell’arco della prima giornata di promozione dell’evento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA