Sondalo, continuano a salire i ricoveri
Sondalo Ospedale Morelli (Foto by Luca Gianatti)

Sondalo, continuano a salire i ricoveri

Otto i nuovi ingressi da lunedì. I degenti sono 30, dei quali 22 in condizioni serie. Molti non vaccinati. L’anno scorso comunque erano 175. «E questo la dice lunga sull’efficacia della campagna di protezione»

Hanno le spalle larghe gli operatori del centro Covid Morelli di Sondalo, ma sentono il peso di una situazione che si fa, di giorno in giorno, più preoccupante. E questo, perché i ricoveri non cessano.

Sono stati otto i nuovi ingressi, da lunedì, per un totale di 30 pazienti assistiti, di cui 22 in condizioni serie, e otto ricoverati nel reparto di nuova apertura, avvenuta lunedì, sempre al primo padiglione, destinato alle persone in via di guarigione.

Ovviamente, non c’è paragone con lo scorso anno quando, ricordano da Asst Valtellina e Alto Lario «in questi stessi giorni i pazienti erano 175 e questo - precisano -, la dice lunga sull’efficacia della campagna vaccinale, tanto più che, fra le persone ricoverate, ve ne sono molte non vaccinate».

E alcune anche, per quanto appreso, vaccinate, ma già da qualche mese, per cui l’efficacia del vaccino, a poco a poco, è scemata, esponendole al rischio di contagio e di aggravamento.

Una diffusione del Covid tanto più maggiore quanto più ci si avvicina alla stagione fredda, invernale, che, è noto, contribuisce alla recrudescenza del contagio.

Tant’è che i numero registrati ieri in provincia di Sondrio, erano tutt’altro che incoraggianti, perché si parla di 79 nuovi positivi censiti dall’Ats della Montagna, dato estratto alle 23.59 di giovedì.

Contro i 40 nuovi positivi censiti nel bollettino di Regione Lombardia, ma, come sappiamo, la discrepanza dipende solo da tempi diversi di estrazione del dato, ma, nel medio-lungo periodo, si assorbe completamente.

La sostanza è che il Covid continua a mordere. Non farà i danni di un tempo, perché lo scudo vaccinale è protettivo, tant’è che i decessi sono pochissimi in provincia di Sondrio e pochi anche coloro che necessitano di Terapia intensiva, però, il problema è presente. Tant’è che, anche per effetto di un numero di guarigioni contenute in 23, ieri, i casi attivi sono balzati a 476, contro i 420 dell’altro ieri, pari a 56 in più in un solo giorno.

Come sempre, la positività è spalmata su tutto il territorio e, noi, non abbiamo una fotografia puntuale.

Possiamo solo rilevare, dal dashboard regionale che indica i Comuni con più positivi da inizio pandemia, che altri sei casi si contavano, ieri, a Sondrio, altri quattro a Valdidentro e tre a Grosio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA