Sindaci in rivolta in Valtellina  «Respingete i non residenti»
In Valle nessuno, nelle località di villeggiatura arrivano i proprietari di seconde case (Foto by Luca Gianatti)

Sindaci in rivolta in Valtellina

«Respingete i non residenti»

Appello di 28 sindaci alla Regione e al Governo. «La quarantena nelle seconde case è un rischio per tutti»

«Rivolgiamo un appello alla Regione e al Governo, affinchè siano adottate tutte le misure possibili a tutela dei nostri cittadini e sia dato il potere, alle forze di polizia ed ai carabinieri, di respingere i non residenti. E’ una necessità assoluta!».

Così scrivono, con tanto di punto esclamativo finale, i ventidue sindaci che fanno capo alla Comunità Montana Valtellina di Sondrio, con primo firmatario Marco Scaramellini, sindaco del capoluogo, per quanto non membro dell’ente montano, e sei sindaci della Bassa Valtellina, precisamente quelli di Ardenno, Buglio in Monte, Delebio, Mello, Pedesina, Rogolo e Talamona, nella lettera inoltrata ieri ad Attilio Fontana e Massimo Sertori, rispettivamente governatore e assessore alla Montagna di Regione Lombardia.

«L’ho già detto e lo ribadisco - insiste Renata Petrella, sindaco di Chiesa in Valmalenco -, di turismo viviamo, ma questo è il momento della responsabilità. Arrivare in valle, ora, per i villeggianti, può significare contagiarsi e contagiare gli altri. Con l’aggravante dei su e giù nei fine settimana. Senza dire che sono persone che, qui, non hanno l’assistenza medica anche perchè, in questo periodo, non è attiva la guardia medica turistica. Quindi, questa situazione deve finire. Anche ieri notte mi hanno segnalato arrivi, dopodiché, essendo stata una giornata uggiosa, quella appena trascorsa, in giro si è visto meno movimento».


© RIPRODUZIONE RISERVATA