Servizi alla persona, intesa con i camuni  «Assetto più efficace»
La firma dell’accordo per i servizi alla persona siglato ieri tra ente montano e azienda di Valle Camonica

Servizi alla persona, intesa con i camuni

«Assetto più efficace»

Tirano, siglato l’accordo tra l’ente montano e l’Azienda territoriale di Valle Camonica per la gestione. Il presidente Pini: «Con questa firma si cambia passo».

«Con la firma di questa convenzione possiamo affermare che il servizio sociale del nostro mandamento cambia passo e si avvia verso un nuovo assetto più efficace e più moderno».

Ha esordito con queste parole il presidente della Comunità montana di Tirano, Gian Antonio Pini, giovedì mattina nella sede di via Quadrio nell’annunciare l’accordo con l’Azienda territoriale per i servizi alla persona della Valle Camonica per la gestione di alcuni ambiti socio-assistenziali del mandamento tiranese (servizi sociali di base e tutela minori).

Dal 2004 i Comuni del mandamento hanno delegato la Cm nella gestione associata di funzioni comunali riguardanti gli interventi sociali, delega rinnovata a inizio 2018 fino al 31 dicembre 2022. Così i Comuni convenzionati hanno attribuito alla Cm il ruolo di ente capofila dell’ambito di Tirano ed ente gestore dell’Ufficio di piano.

«Viste le esigenze di miglioramento dei servizi, nel 2016 è stato avviato un processo di confronto tra enti gestori degli Uffici di piano della provincia per valutare la possibilità di costituire un Ufficio di piano unico – ha precisato Pini -, ma questo confronto non ha avuto esito positivo. Per questo motivo l’assemblea dei sindaci ha deciso di instaurare una collaborazione con l’Azienda territoriale di Breno». «Con questa convenzione, i comuni si impegnano a ricercare una soluzione per la stabilità del personale, requisito fondamentale per realizzare alcuni dei servizi sociali in gestione associata, in particolare la tutela minori e i servizi sociali di base».

Pini ha voluto fare una precisazione: «Tengo a ribadire che i 12 comuni dell’ambito di Tirano rimangono pienamente titolari della governance del sistema dei servizi sociali, cioè dei poteri di indirizzo, programmazione, controllo ed esercitano questi poteri attraverso l’assemblea dei sindaci».

L’Azienda territoriale camuna, istituita nel 2007, eroga servizi socio-assistenziali dei 41 Comuni che costituiscono l’ambito di Valle Camonica. Emilio Antonioli, assessore ai Servizi sociali della Cm Valle Camonica, ha sottolineato come le due valli siano simili per problematiche e conformazione geografica, mentre Andrea Fedriga, presidente dell’Azienda territoriale per i servizi alla persona della Valle Camonica ha puntualizzato: «Non vogliamo conquistare pezzi di Valtellina. Anzi vogliamo trasferire le professionalità acquisite in questi anni. C’è un problema di distanza che cercheremo di superare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA