Scuole e maestri di sci  Ecco gli indennizzi  per la stagione saltata
La protesta dei maestri di sci a Livigno lo scorso inverno

Scuole e maestri di sci

Ecco gli indennizzi

per la stagione saltata

Le domande si possono presentare da giovedì esclusivamente attraverso il sistema on line. Per la Lombardia a disposizione sei milioni

Ristori per maestri e scuole di sci: c’e la data per l’apertura delle domande, sul tavolo oltre sei milioni di euro.

È stato firmato ieri, infatti, il decreto per l’erogazione di oltre sei milioni di euro di indennizzi a favore dei maestri e delle scuole di sci penalizzati dalla mancata apertura al pubblico dei comprensori nella stagione sciistica invernale 2020/2021, a seguito dei provvedimenti per contrastare la diffusione del Covid-19.

Potranno presentare domanda di contributo i maestri di sci di tutte le discipline iscritti all’Albo del Collegio regionale della Lombardia alla data del 22 maggio 2021 e le Scuole di sci operanti in Lombardia e che hanno iniziato l’attività alla data, sempre, del 22 maggio 2021.

Il bando aprirà alle ore 12 di dopodomani, giovedì 23 settembre e chiuderà alle ore 16 di martedì 19 ottobre. La domanda di partecipazione dovrà essere presentata, pena la non ammissibilità, dal soggetto richiedente obbligatoriamente in forma telematica, per mezzo del Sistema Informativo Bandi On Line. Ogni maestro e scuola potrà presentare una sola domanda.

«Sono particolarmente soddisfatto di questa misura - spiega l’assessore agli Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni di Regione Lombardia, Massimo Sertori - che va a beneficio di una categoria che detiene un ruolo fondamentale nell’ambito del turismo invernale di montagna.

Questi indennizzi, così come quelli che arriveranno a imprese e impianti di risalita, da un lato servono a lenire i danni provocati dalla passata stagione invernale, con l’auspicio che possano servire ad affrontare la prossima apertura con rinnovato slancio. Dall’altra tutte le azioni intraprese nel contesto sanitario, a partire da una straordinaria campagna vaccinale, servono a scongiurare che si ripetano ulteriori chiusure».


© RIPRODUZIONE RISERVATA