Sabato 30 Agosto 2014

Scivola in montagna,

resta ferito dal rampone

Il rifugio Marco e Rosa

È stato necessario l’intervento dell’elicottero, ieri mattina, per soccorrere un alpinista bresciano di 48 anni rimasto ferito giovedì sera mentre stava salendo con quattro amici.

La meta dei cinque era il rifugio Marco e Rosa. Erano quasi arrivati in cima, quando l’alpinista è scivolato per un paio di metri: nella caduta uno dei ramponi si è conficcato all’altezza di un ginocchio, provocando un taglio profondo e doloroso.

È comunque riuscito a raggiungere il rifugio dove è stato medicato dal gestore e dove ha passato la notte insieme agli altri alpinisti. Ma il taglio era davvero troppo profondo e il 48enne non era quindi nelle condizioni di poter continuare il proprio cammino e continuare l’escursione che era in programma.

Per questo motivo, quindi, è stato fatto alzare in volo l’elicottero poco dopo le 7: l’alpinista ferito è stato così trasportato fino all’ospedale di Sondrio, dove è stato visitato e medicato dai medici. Le sue condizioni non destano alcuna preoccupazione: l’intervento, infatti, è stato fatto in codice verde, vale a dire quello che nel gergo medico indica proprio gli interventi che sono meno gravi.

© riproduzione riservata