Sasso del Gallo e Viano, c’è l’intesa sul sentiero tra Italia e Svizzera
La chiesa di San Romerio in base al progetto di Comune e Cm sarà raggiungibile con mezzi 4x4

Sasso del Gallo e Viano, c’è l’intesa sul sentiero tra Italia e Svizzera

Tirano, il Comune e la Comunità montana avviano le opere per riqualificare il percorso ciclo-pedonale. Da Baruffini si potrà raggiungere San Romerio in auto.

Approvato il protocollo d’intesa tra il Comune di Tirano e la Comunità montana di Tirano per i lavori di riqualificazione del percorso storico Piazzo Sasso del Gallo-Viano che, presumibilmente, partiranno la prossima primavera. «Rientra nei programmi sia del Comune sia della Comunità montana - si legge nella delibera della giunta esecutiva, guidata dal presidente Gian Antonio Pini - quello di promuovere l’attività turistica e di favorire a livello comprensoriale l’esercizio delle pratiche sportive, tra cui anche la pratica dell’escursionismo e della mountain bike».

In tale ottica e in linea con le finalità del bando di finanziamento “Piano di sviluppo locale Valtellina Valle dei sapori 2014-2020, itinerari turistici alla scoperta del mondo rurale valtellinese e dei suoi prodotti”, la Cm, in accordo con il Comune di Tirano, ha elaborato un progetto di riqualificazione dell’importante percorso storico Piazzo Sasso del Gallo-Viano che collega l’Italia con la vicina Svizzera. Progetto che è risultato assegnatario di un contributo finanziario di 90mila euro dal Gal tramite la Cm a fronte di una spesa fronte di un quadro economico complessivo di  125mila euro. Pertanto dall’ente comprensoriale saranno messi 90mila euro e dal Comune i restanti 35mila euro.

«Si tratta di realizzare 600 metri di connessione dalla strada che dal confine svizzero arriva a Viano e San Romerio e la strada che da Baruffini arriva a Piazzo e al Sasso del Gallo - afferma il sindaco di Tirano, Franco Spada -. Siamo molto soddisfatti, perché diversi sono i vantaggi che la via offrirà».

Da Baruffini si potrà raggiungere in auto San Romerio, xenodochio molto frequentato. In caso ci fosse l’interruzione della viabilità a Piattamala, come è già successo in passato per via della caduta di sassi, questa potrebbe essere un’alternativa, anche se da percorrere con mezzi 4x4, per salire in quota e scendere da Baruffini. Infine c’è un altro aspetto da sottolineare: quello della connessione sentieristica fra Italia e Svizzera attraverso il completamento di questa strada. Da Baruffini, grazie alla serie di interventi effettuati dalla Cm, si riesce a raggiungere in bicicletta il lago di Lovero e da lì il Sentiero Valtellina lungo il percorso molto bello a livello naturalistico. La Comunità montana attuerà l’intervento di riqualificazione come da progetto approvato in sede di conferenza dei servizi, oltre che gli interventi di manutenzione ordinaria di alcuni tratti della viabilità esistente che si concorderanno con il Comune, utilizzando eventuali economie dal ribasso d’asta, nell’annualità 2020.


© RIPRODUZIONE RISERVATA