Salta il progetto, il campo da golf non si fa  «La situazione economica è cambiata»
Una recente seduta del consiglio comunale di Teglio

Salta il progetto, il campo da golf non si fa

«La situazione economica è cambiata»

Il Comune ha stralciato la previsione dell’opera, ipotizzata già nel 2004 e mai realizzata. L’opposizione è d’accordo, «ma per anni sono stati imposti dei vincoli»

Niente più campo di golf a 18 buche sulla cintura di Teglio centro. Dal Piano del governo del territorio è stata stralciata - con l’approvazione in consiglio comunale della seconda variante al Pgt - la previsione di un anello che si sarebbe potuto realizzare da Teglio nord verso San Giovanni, passando per San Martino e Somasassa. Nel 2004 l’amministrazione guidata dal sindaco Piergiorgio Grollilo aveva inserito nell’allora Prg (Piano regolatore generale).

«In quegli anni poteva avere una logica pensare in grande e contare su qualcuno che volesse investire – afferma il sindaco Elio Moretti, ai tempi vicesindaco –. A dire il vero dell’interesse c’era, poi la crisi economica ha fatto sì che si mettesse via il pensiero. Da buon amministratore, come mi ritengo, ho ritenuto opportuno, oggi, eliminare questa previsione nel nostro strumento urbanistico. Dispiace per chi ha pagato l’Imu sui terreni in questi anni, ma – ripeto – la situazione allora era diversa».

«La zona golf è stata prevista anche nella redazione del Pgt del 2013 considerandola il vanto, la novità ed il surplus del piano urbanistico – afferma il consigliere di minoranza Cristian Della Pona-. Peccato che, già allora, era evidente che un’opera del genere fosse di difficile realizzazione e successiva manutenzione. Lo strumento urbanistico deve contenere previsioni, ma sta alla serietà ed attenzione dell’amministratore verificare che la previsione risulti realizzabile o dall’ente o da soggetti terzi interessati all’operazione. Infatti oggi - senza proclami - la zona golf viene quasi totalmente stralciata dalla cartografia. Purtroppo per anni gli amministratori hanno imposto ai cittadini un vincolo urbanistico sulle loro proprietà con l’ulteriore beffa del pagamento di Imu e Tasi».

.


© RIPRODUZIONE RISERVATA