Sagra del mirtillo a Rasura, gustosa tradizione
Una passata edizione della Sagra del mirtillo, organizzata da diciannove anni dai volontari capeggiati dalla Pro loco

Sagra del mirtillo a Rasura, gustosa tradizione

Dal ’98 la Pro loco organizza in Valgerola una “tre giorni” dedicata al frutto tipico del bosco. L’appuntamento con la bontà inizia giovedì con la Sprint Running e l’incontro con Roberto Ganassa e Riccardo Scotti.

Tutto pronto per l’edizione numero 19 della Sagra del mirtillo, evento che dal 1998 celebra il frutto di bosco che ha segnato per tanti anni l’economia familiare e che oggi, grazie all’impegno della pro loco di Rasura e Mellarolo, attira nei quattro giorni di festa migliaia di visitatori in Valgerola.

Si partirà giovedì con “Aspettando la Sagra del mirtillo”. Alle 19 partirà la quinta edizione della Mirtillo sprint running, una gara di corsa in salita di circa un chilometro. Alle 19 ci sarà anche la cena con piatti a base di mirtillo e alle 21 la serata “Quell’affascinante mucchio di sassi” con le immagini e i filmati di montagna di Roberto Ganassa e Riccardo Scotti. Venerdì alle 19 inizierà la cena - ancora una volta con i mirtilli protagonisti - e alle 21 sarà proposto lo show di cabaret e musica del duo Francofabrica, noto per la partecipazione a Italian’s got talent. Sabato sera, dopo la cena, la festa proseguirà con la serata condotta da dj Paolino di Radio 105.

Domenica la manifestazione comincerà alle 10 con il mercatino di prodotti tipici locali e la mostra dedicata agli antichi mestieri. Saranno presenti anche “I giaroi”, gruppo folcloristico della Valgerola. Pranzo e cena - dalle 11,30 e dalle 18,30 - saranno seguiti da spettacoli musicali. I protagonisti saranno i “Bei matei”.

Il menù di pranzi e cene fonde tradizione con ricette gustose e innovative che hanno decretato il successo delle prime diciassette edizioni che hanno raccolto migliaia di visitatori. Quest’anno il menù è particolarmente ricco: risotto al mirtillo, gnocchetti al mirtillo, ravioli al mirtillo, polenta con cervo al mirtillo e caprino condito con salsa al mirtillo. Non mancheranno altre specialità della gastronomia valtellinese come affettati misti, bresaola al carpaccio e formaggi dell’alpe. Anche nei dolci il mirtillo sarà protagonista. Le classiche torte saranno affiancate da mirtilli caldi con gelato, dalla mascherpa (la tipica ricotta della Valgerola) dolce con marmellata di mirtillo e dalla spultiscia, macedonia a base di mirtilli con limone, zucchero e un po’ di vino. Numerose le iniziative collaterali in collaborazione con il Parco delle Orobie e l’Ecomuseo della Valgerola, tra giochi e attività didattiche nella natura. La mostra dedicata agli antichi mestieri verrà affiancata da una dimostrazione pratica della preparazione del formaggio. Ci sarà la possibilità di partecipare alle visite guidate alla chiesa parrocchiale di Rasura. La novità degli ultimi due anni è la visita al Museo della montagna: dalla scorsa primavera a fianco del polifunzionale c’è una struttura dedicata alle tradizioni della Valgerola. Nella costruzione in legno e pietra, situata alla Foppa, è stata riproposta un’antica abitazione del borgo orobico.


© RIPRODUZIONE RISERVATA