Ruinon, decisi gli orari sulla strada del Gavia per il traffico in uscita da Santa Caterina
Rilievi del personale dell’Arpa sul masso caduto nella mattinata di martedì sulla strada provinciale che porta a Santa Caterina

Ruinon, decisi gli orari sulla strada del Gavia per il traffico in uscita da Santa Caterina

Da domani al 1 settembre è stato deciso il divieto di transito in salita dal versante bresciano dalla località Sant’Apollonia verso il Passo Gavia dalle 9,30 alle 12 e dalle 15,30 alle 18.

Il transito veicolare nel solo versante bresciano dal Passo Gavia in direzione Sant’Apollonia-Ponte di Legno sarà consentito in senso unico di marcia dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18 . Negli altri orari il Passo Gavia sarà aperto in entrambe le direzioni da Ponte di Legno fino alla località Santa Caterina, dalla quale non sarà però possibile proseguire sulla strada provinciale in direzione Bormio-Milano-Passo Stelvio-Livigno.

E’ questa una delle misure prese dal Comune di Valfurva il questa fase di allerta elevata per la criticità legata alla frana del Ruinon in seguito alla riunione tenutasi ieri, nella quale «non ci sono state risposte esaustive», affermano dall’amministrazione furvese.

La strada provinciale 29 resta chiusa dopo la frana staccatasi martedì mattina. Viene mantenuto il presidio sanitario e di soccorso a Santa Caterina.

La pista forestale che collega Santa Caterina a Sant’Antonio è transitabile solo dalle persone autorizzate e con mezzi idonei a trazione integrale.

Ripristinato il servizio di navetta gratuito sulla pista d’emergenza dalle 7 alle 22 per far fronte alle sole esigenze urgenti. Prevista una corsa ogni ora con partenza da entrambe le direzioni (Sant’Antonio dal Ponte di Clus presidio e da Santa Caterina dall’angolo dello Sport Hotel). Il servizio viene effettuato con mezzi fuoristrada a trazione integrale con massimo di otto posti. In via secondaria e senza nessuna garanzia di qualità della prestazione potranno usufruire del servizio anche altri utenti fino al completo carico del fuoristrada. Non sono previste corse aggiuntive.

Leggi tutto nell’ampio servizio dedicato su La Provincia di Sondrio in edicola e non solo


© RIPRODUZIONE RISERVATA