Ruinon, 300mila euro per il turismo
La frana del Ruinon ora è sotto controllo dopo l’allarme dei giorni scorsi

Ruinon, 300mila euro per il turismo

L’assessore regionale Sertori ha annunciato una campagna pubblicitaria per la Valfurva. Ha anche parlato dell’avvio urgente del progetto di bonifica del versante del Confinale e del finanziamento.

Anche un tavolo economico per il presente e per il futuro turistico di Santa Caterina Valfurva, località pesantemente minacciata dal movimento franoso del Ruinon che, dal 22 giugno scorso, che sta di fatto tenendo in scacco la terza stazione turistica della Valtellina. Oltre ai lavori, alla gestione della fase di emergenza (attualmente la strada da Sant’Antonio a Santa Caterina Valfurva è aperta e transitabile dalle 7 alle 21 con chiusura nelle ore notturne), alle riunioni sulla sicurezza, su invito del prefetto di Sondrio Paola Spena, si è svolto anche un tavolo “economico” al fine di valutare mirate iniziative e attività, non aiuti spot ma - ha fatto sapere il presidente della Comunità montana Alta Valtellina Filippo Compagnoni, tra l’altro anche operatore, presente all’incontro in Prefettura - ragionamenti di medio-lungo termine. All’incontro, oltre al prefetto e al presidente della provincia di Sondrio Elio Moretti, erano presenti l’assessore regionale Massimo Sertori, il presidente della Camera di Commercio Loretta Credaro, il direttore dell’Unione Commercio e turismo, Enzo Ceciliani, i rappresentanti dei due istituti bancari locali, il sindaco di Valfurva Angelo Cacciotto, il presidente della Pro loco Alberto Pedranzini unitamente ad alcuni operatori di Santa Caterina.

«L’assessore Sertori - ha evidenziato il presidente della Pro loco Valfurva - ha comunicato l’avvio urgente del progetto di bonifica del versante del Confinale e assicurato, tramite Angelo Borelli (capo dipartimento della Protezione civile nazionale) il finanziamento delle opere. Ha inoltre assicurato un finanziamento regionale di 200mila euro che, aggiunti ad altri 50-100mila euro (Provincia, Comunità montana Alta Valtellina), formano un budget di circa 250-300mila euro da destinare a una campagna pubblicitaria da studiare ad hoc per la Valfurva. Da parte delle due banche locali - ha aggiunto - è stata data piena disponibilità ad una moratoria sui mutui e ad una revisione dei tassi d’interesse».

Infine, l’assessore Sertori ha confermato il coinvolgimento anche degli assessorati regionali delle Attività produttive e del Turismo. «Quello avvenuto questa settimana è stato un primo incontro interlocutorio, al quale farà seguito - ha anticipato Compagnoni - la costituzione di un gruppo ristretto, di poche persone, un tavolo più tecnico, che a settembre, dati alla mano sull’andamento di questa come delle passate stagioni turistiche, potrà iniziare a parlare con precisione di cifre e danni subiti. Sicuramente le disdette, sinora, ci sono state. Ora sono fondamentali il mese di agosto e il meteo; sicuramente i risvolti negativi di quanto accaduto ce li porteremo dietro per qualche anno. Buona la volontà, da parte di tutti, di trovarsi, confrontarsi e attuare delle proposte concrete per il medio-lungo termine». Qualche cifra è girata e ora, anche le istituzioni faranno, al loro interno, le opportune verifiche di bilancio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA