Rischio valanghe 3 (marcato)   Anche al primo passaggio
Attenzione, il rischio valanghe è marcato

Rischio valanghe 3 (marcato)

Anche al primo passaggio

Massima attenzione alle informazioni relative al pericolo di valanghe: Arpa Lombardia comunica che su tutto l’arco alpino regionale il pericolo corrisponde al grado 3 - marcato, su tutti i settori e gli esperti del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico raccomandano prudenza e, come detto, massima attenzione alle informazioni che sono facilmente reperibili in rete.

«In quota presenza di nuovi lastroni di media coesione, poggianti su un manto irregolare caratterizzato da vecchi lastroni ancora poco consolidati e, soprattutto sui versanti a Nord, su strati deboli e brine inglobate - si legge nel bollettino che Arpa emette ogni due o tre giorni, mantenendo la situazione monitorata -. Oltre il limite del bosco, sui pendii non ancora scaricati, saranno possibili distacchi spontanei di valanghe generalmente di grandi dimensioni a lastroni, in alcuni casi anche molto grandi lungo i percorsi abituali. Il distacco provocato sarà possibile con debole sovraccarico, al passaggio di un singolo sciatore o escursionista».

La situazione si presenta in questo modo: «Su tutti i settori cielo nuvoloso o molto nuvoloso. La diminuzione delle temperature tenderà a rallentare i processi di consolidamento del manto nevoso che, soprattutto nelle zone più in ombra e in quota, presenterà ancora condizioni di precaria stabilità» sottolineano in una nota dal Cnsas, riportando le informazioni contenute nel bollettino nivometeorologico dell’Agenzia regionale per l’ambiente.

Il programma della giornata nazionale “Sicuri sulla neve 2021” quest’anno non prevede attività in presenza a causa, ovviamente, delle misure relative all’emergenza sanitaria ancora in corso. Ma i tecnici del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico non rinunciano certo a informare e i cittadini riguardo ai pericoli che si possono trovare quando si va in montagna e a come evitarli. «Il perdurare della pandemia a livelli di criticità così elevati non ci permette di fare previsioni ottimistiche e impone ancora la massima prudenza - concludono gli esperti -. Per queste ragioni le attività in presenza solitamente organizzate per la giornata nazionale “Sicuri con la neve”, che tradizionalmente si tiene la terza domenica di gennaio, ad oggi sono da ritenersi sospese. Prossimamente saranno pubblicati tutti gli aggiornamenti riguardanti eventuali programmi possibili ed attività alternative».


© RIPRODUZIONE RISERVATA