Rifare i muretti a secco, corso a Sondrio pronto a partire. Ma mancano gli iscritti
Il corso per il rifacimento dei muretti a secco organizzato nel maggio di quest’anno nel Tiranese

Rifare i muretti a secco, corso a Sondrio pronto a partire. Ma mancano gli iscritti

All’iniziativa hanno finora aderito 7 persone . Servono almeno 10 partecipanti sino a un massimo di 20. Età richiesta: da 18 a 60 anni. C’è tempo fino a mercoledì.

Un’opportunità da non perdere. Anche perché non capita tutti i giorni di potersi confrontare con esperti in muretti a secco, cimentandosi nella costruzione di quello che di fatto è un patrimonio, che rende unica la nostra provincia. Tant’è: se si provasse a mettere tutti i muretti in fila, uno dopo l’altro, si arriverebbe a creare una strada lunga 2.500 chilometri, come Milano-Palermo andata e ritorno. A proporre due corsi teorico-pratici, in collaborazione con il Polo di formazione professionale Valtellina (Pfp), è la Comunità montana di Sondrio, che prosegue con il progetto, iniziato la primavera scorsa, dal nome “Muretti a secco, una tradizione da tramandare”, per iscriversi al quale c’è tempo sino a mercoledì 6 novembre.

Finora l’iniziativa ha però raccolto l’attenzione di sette persone, ma per darle il via come sottolineano dall’ente di via Sauro, bisogna arrivare ad un numero minimo di dieci sino ad un massimo di 20 iscritti. Quali sono i requisiti? Il progetto - il primo corso si terrà tra il 18 e il 29 novembre, mentre il terzo ed ultimo tra il 2 e 13 dicembre - si rivolge a giovani imprenditori agricoli e a disoccupati, a cui sarà data priorità, «oltre che a operatori privati, dipendenti di cooperative agricole e sociali - ha spiegato il presidente della Cm, Tiziano Maffezzini, quando è stata presentata nei giorni scorsi l’iniziativa -, volontari di protezione civile» con età compresa tra i 18 e 60 anni, con precedenza ai residenti nei Comuni del mandamento della Cm e del Comune di Sondrio.

Si opererà da lunedì a venerdì, otto ore al giorno per un totale di 40 ore in una settimana e per iscriversi ad entrambi i corsi le domande dovranno essere inoltrate, compilando il modulo, disponibile sia negli uffici dell’ente comprensoriale sia scaricabile online all’indirizzo www.cmsondrio.it. Indicativamente le lezioni avranno inizio alle 8 e termineranno verso le 17,30 con una pausa pranzo dalle 12 alle 13,30 con il pranzo che sarà fornito dal Pfp. La quota di iscrizione è di 50 euro da versare dopo essere stati ammessi. In cattedra ci saranno esperti del mestiere: istruttori del Pfp e Antonio Bongiolatti, tecnico, nonché ex docente del Pfp, ora in pensione. Si interverrà sul campo, in un vigneto situato sul territorio comunale di Montagna, in località Sant’Antonio, nell’area attorno a Castel Grumello – e il muro si presenta sano nella sua parte centrale, mentre ci sono da sistemare e rifare le parti terminali, a destra e sinistra. Prima dell’uscita in vigna, la prima lezione teorica si terrà nella nuova sede della Cassa Edile – Esfe al civico 14 di via Samaden a Sondrio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA