Residenza di Roncaglia, più posti per gli anziani: da 40 sono saliti a 80
L’inaugurazione della struttura: ora nella residenza sono aumentati i posti per gli anziani

Residenza di Roncaglia, più posti per gli anziani: da 40 sono saliti a 80

Civo, la struttura de La Nuova Colonia aumenta l’attività. Sono previsti anche ricoveri per periodi a termine. E le rette saranno differenziate in base alla permanenza.

Diventano 80, dai 40 iniziali, i posti della residenza per anziani aperta a Roncaglia di Civo e realizzata grazie all’iniziativa de La Nuova Colonia spa Benefit. L’annuncio dell’ampliamento degli spazi dedicati all’accoglienza degli anziani era stato fatto nell’ultima assemblea dei soci che si è tenuta lo scorso aprile, quando era stata annunciata l’intenzione di Casa di Cura Ambrosiana – gestore della struttura – di dare risposta alle richieste del territorio aggiungendo questi ulteriori posti, non previsti all’avvio del progetto ma ritenuti ora necessari sulla base dei bisogni emergenti. Da 40 a 80 posti letto, quindi, per Roncaglia che nel giro di poco più di un anno raddoppia dunque la sua attività. La Nuovacolonia spa, società benefit, forte di oltre 900 soci, ha realizzato una struttura dedicata affidandone da maggio 2017 la gestione a Casa di Cura Ambrosiana, che ha messo a disposizione l’esperienza medica, infermieristica, fisioterapica, socio assistenziale dell’intero mondo della Sacra Famiglia di Cesano Boscone, “la Famiglia che aiuta le famiglie” in innumerevoli situazioni, anche inedite, nel nord Italia.

«A Roncaglia si è lavorato per intensificare il servizio e diversificare l’offerta: si accolgono richieste di ricovero non solo di lunga durata, ma anche per periodi a termine e casi specifici, contando sul comfort della struttura e soprattutto su competenze professionali che riescono a far fronte anche a casi molto compromessi, con un modello organizzativo più impegnativo e più flessibile».

La flessibilità si traduce anche nelle rette di ricovero, che a Roncaglia sono differenziate a secondo della durata del periodo di permanenza e dell’intensità di assistenza richieste. Lo standard qualitativo «è assicurato sia dalla professionalità degli operatori che dal loro radicamento nella stessa comunità: una cinquantina di nuovi posti di lavoro sono stati per la quasi totalità coperti da personale valtellinese e ricorrendo a fornitori locali per prestazioni quali lavanderia, cucina e servizi generali».

Nel corso del 2017 il progetto de La Nuova Colonia ha portato all’avvio della nuova struttura di Roncaglia cui su aggiunge il Centro Clinico Valtellinese di Morbegno, poliambulatorio avviato nel 2016. Obiettivo di entrambe le operazioni è offrire una risposta a livello assistenziale e sanitario alla domanda di servizi da parte del territorio di riferimento del progetto. La struttura residenziale per anziani di Roncaglia ha già cominciato con il mese di luglio ad accogliere i nuovi ospiti e nel pomeriggio di venerdì 10 agosto aprirà le porte della seconda unità di Rsa dedicata a residenza, sollievo e assistenza post ospedaliera per anziani in occasione dell’inaugurazione ufficiale con presentazione delle attività e dei servizi alle 17,30, la benedizione e la visita alla struttura.


© RIPRODUZIONE RISERVATA