Lunedì 15 Settembre 2014

Renzi e il governo

Tutti a scuola

Il ministro Stefania Giannini

Riprende la scuola in gran parte delle Regioni italiani. Tra i banchi ci saranno anche i ministri che hanno raccolto l’invito del premier a testimoniare con la loro presenza l’attenzione che l’esecutivo ha per l’istruzione e per la riforma della scuola attualmente in fase di consultazione. In classe andrà anche il presidente del Consiglio. Renzi ha scelto di recarsi all’istituto dedicato a Don Peppino Puglisi a Palermo, un luogo dalla forte importanza simbolica in uno dei quartieri più a rischio del capoluogo siciliano, Brancaccio.

Il ministro Stefania Giannini, invece, per la prima campanella del 2014-2015, sarà nel Tecnico Agrario ’Emilio Sereni’ di Roma e taglierà, assieme agli studenti, il nastro di un birrificio artigianale allestito all’interno dell’Istituto che è impegnato in percorsi di alternanza scuola-lavoro. Al progetto “birra” prenderanno parte i ragazzi della scuola e alcuni giovani in stato di detenzione. Gli altri componenti dell’esecutivo saranno in giro per l’Italia a salutare gli studenti, tanti tornando nella scuola dove hanno studiato. Come il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, che andrà alla Primaria Matilde di Canossa di Reggio Emilia, la scuola che frequentava da bambino.

Gian Luca Galletti (Ambiente) è atteso alla scuola Marconi di Bologna, Carmela Lanzetta (Affari regionali) sarà al liceo Olivetti di Locri, Maurizio Lupi (Trasporti) alla Cabrini di Milano, Giuliano Poletti (Lavoro) all’istituto tecnico Scarabelli di Imola. Maria Elena Boschi (Rapporti con il Parlamento) andrà a Laterina (Arezzo) dove è cresciuta, in visita alla scuola elementare Goffredo Mameli mentre nella sua Genova dovrebbe approdare Roberta Pinotti: la responsabile della Difesa sarà presente, salvo imprevisti dell’ultimo minuto, al liceo scientifico “Enrico Fermi”, la scuola che ha frequentato e dove ha pure insegnato per alcuni anni, dopo la laurea in Lettere.

© riproduzione riservata