Mercoledì 23 Luglio 2014

«Quale autonomia

È solo propaganda»

Bollata come «boutade» la proposta di Crosio

Propaganda demagogica, se non addirittura dannosa. Bollano così i senatori Mauro Del Barba e Benedetto Della Vedova, ma anche il segretario provinciale del Pd Salvatore Ambrosi, la richiesta di autonomia per la provincia di Sondrio, al pari di Trento e Bolzano, avanzata in un emendamento dal collega leghista Jonny Crosio.

Per Della Vedova «Questa cosa non esiste, non se ne è parlato, non è in discussione». Sulla stessa lunghezza d’onda il morbegnese Del Barba, che ci va anche più duro: «Quell’emendamento è soltanto pubblicità ingannevole, propaganda dannosa perché invece di favorire la trattazione dell’argomento dell’autonomia locale in maniera seria non fa che creare disturbo e attirare attenzione negativa sul nostro territorio».

Sia Del Barba, sia Della Vedova continuano ad insistere invece sul lavoro vero da fare: quello per la specificità. «Il tema serio - sottolinea Della Vedova - è capire se nel combinato disposto della riforma costituzionale e della legge Delrio riusciremo a spuntare il riconoscimento delle aree montane, confinanti con Paesi stranieri, come territori meritevoli di forme di autonomia».

Il problema è però che la presenza di un numero così elevato di emendamenti rende complicato affrontare le questioni vere e, soprattutto, selezionare gli argomenti sui quali tenere alta l’attenzione. Una preoccupazione che Della Vedova condivide con il collega morbegnese del Pd: «Speravo in un atteggiamento più serio - dice Del Barba -. Tutto ciò mette a repentaglio il lavoro sull’area vasta sulla quale, d’altro canto, il Carroccio, si è espresso contro». Area vasta e specificità sulla quale punta l’unico emendamento presentato dallo stesso Del Barba e sottoscritto, in maniera trasversale, dalla maggioranza. «Il mio lavoro si concentra su quello - ancora Del Barba - perché è quello che possiamo ottenere ragionevolmente».

© riproduzione riservata