«Psicanalisi, opportunità per ripartire»

«Psicanalisi, opportunità per ripartire»

«Non lasciare nessuno fuori, tenere sempre la porta aperta per consentire a tutti di fare l’incontro più decisivo che si possa fare, quello con se stessi». Così lo psicanalista Massimo Recalcati ha descritto, venerdì sera a Sondrio, lo spirito con cui opera Jonas, l’associazione che ha fondato nel 2003.

L’incontro pubblico con Recalcati ha segnato l’inaugurazione ufficiale del nuovo centro aperto in città, ha spiegato il responsabile di Jonas Sondrio Domenico Letterio, che ha aperto la serata insieme all’assessore alla Cultura Marcella Fratta. E la città ha risposto con grande interesse: la sala don Chiari era letteralmente stracolma e tantissimi cittadini non hanno trovato posto.

Tema della serata, “Il desiderio che cura. La psicanalisi come opportunità di ripartire”, e partendo da questo spunto Recalcati ha accompagnato il pubblico a conoscere la filosofia di Jonas onlus e il percorso che offre la psicanalisi.

Il nuovo centro clinico si occupa di cura, ricerca e prevenzione sui «nuovi sintomi del disagio contemporaneo», come ansia, depressione, attacchi di panico, dipendenze patologiche, anoressia e bulimia, difficoltà familiari, disagio dell’infanzia e dell’adolescenza, con un orientamento psicanalitico.

Cosa significhi, l’ha spiegato Recalcati nel suo intervento: «Rendiamo possibile un incontro - ha detto -, l’incontro con lo psicanalista serve a consentire l’incontro che più conta, il peggiore o il migliore che possiamo fare, in ogni caso il più decisivo, l’incontro con noi stessi. L’incontro con il nostro stesso desiderio, con ciò che abbiamo sempre evitato di incontrare. Quando c’è una sofferenza psichica, il denominatore comune è sempre l’aver smarrito il contatto con il nostro desiderio, la vita si incaglia quando si separa dal suo desiderio. E ci allontaniamo dal nostro desiderio quando viviamo per soddisfare il desiderio degli altri, ci prodighiamo ma rendiamo la nostra esistenza misera». E in questo senso la psicanalisi è «un’opportunità di ripartire».


© RIPRODUZIONE RISERVATA