Pro Valtellina e Fondazione Creval  Insieme per dare una mano a chi studia
Centomila sono gli euro messi sul tavolo con il nuovo bando congiunto

Pro Valtellina e Fondazione Creval

Insieme per dare una mano a chi studia

Dodicesima edizione del bando che metterà a disposizione 100mila euro.

Dell’Acqua: «Vogliamo arginare l’abbandono scolastico». Fiordi: «Sosteniamo la formazione».

Pro Valtellina e Fondazione Gruppo Credito Valtellinese insieme per gli studenti e le famiglie della provincia di Sondrio. Centomila sono gli euro messi sul tavolo con il nuovo bando congiunto - il 12esimo, per l’esattezza -, con scadenza il prossimo 21 gennaio, in cui sono previsti contributi a progetti per il sostegno di situazioni di difficoltà negli studi, ma anche aiuti alle numerose giovani eccellenze sia in ambito scolastico che universitario.

Anche quest’anno le due realtà filantropiche del territorio hanno deciso di concentrare la loro attenzione sul pianeta istruzione di Valtellina e Valchiavenna, in virtù delle tante istanze ricevute nel 2017 con lo stesso bando, sempre dedicato agli studenti: «Lo scorso anno abbiamo raccolto numerose richieste per servizi integrativi di supporto agli studenti e alle famiglie - spiega il presidente di Pro Valtellina Marco Dell’Acqua, membro della Commissione centrale di beneficenza di Fondazione Cariplo -. Un bisogno che si fa sempre più impellente: spesso la famiglia non riesce a far fronte alle esigenze di aiuto e sostegno dei giovani studenti; la scuola è delegata a rispondere a lacune, ma anche a situazioni di fragilità e disagio».

Aperto ad associazioni ed enti di vario tipo, il bando - è scaricabile anche dai siti internet agli indirizzi www.provaltellina.org, www.creval.it, http://www.creval.it/fondazione - contempla iniziative che spaziano da attività di doposcuola a quelle di sostegno in orario scolastico, nonché progetti di avvicinamento alle scienze matematiche, fisiche, astronomiche e geografiche, oltre a percorsi di formazione scolastica, che favoriscano l’avvicinamento degli studenti al mondo del lavoro. «La scelta di puntare per il nuovo bando congiunto su attività in favore degli studenti si inserisce a pieno titolo nella mission della Fondazione Gruppo Credito Valtellinese, che condivide con Pro Valtellina obiettivi e progetti per lo sviluppo socio-economico e culturale della nostra provincia» puntualizza Miro Fiordi, presidente della Fondazione Creval.

«Il nostro desiderio è sostenere la formazione dei ragazzi e suscitare nuovi interessi cercando di arginare il rischio di abbandono scolastico - aggiunge Dell’Acqua -. Sono fondamentali per esempio le iniziative fianco a fianco dei ragazzi con i classici doposcuola, ma anche la riattivazione di interesse per alcune materie fondamentali nella carriera scolastica, come la matematica o la fisica, che possono in un futuro creare nuove opportunità di lavoro».

«I ragazzi rappresentano per noi gli utenti privilegiati dell’attività. In quest’ottica ritengo, che il bando proponga una preziosa occasione per realizzare progetti a supporto di attività che consentono agli studenti di essere seguiti e sostenuti sia nello studio - aggiunge il presidente Fiordi -, sia nell’approfondimento di materie non trattate a scuola, ma che possono costituire un fondamentale momento di crescita e di formazione e un effettivo contrasto al complesso fenomeno della dispersione scolastica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA