Presidio alla Meditalia  Summit senza segnali positivi
Prosegue lo sciopero dei trenta lavoratori

Presidio alla Meditalia

Summit senza segnali positivi

Lovero. Lo sciopero dei lavoratori prosegue a oltranza in attesa dei due stipendi mancanti e un cambio di rotta. All’azienda chiesta almeno una mensilità per rientrare

Dopo il presidio c’è stato l’incontro con i vertici aziendali, ma la situazione non cambia. Alla Meditalia srl di Lovero prosegue lo sciopero proclamato da Filctem-Cgil e Femca-Cisl per protestare contro il mancato pagamento degli ultimi due stipendi e chiedere un cambio di rotta per il futuro dell’azienda del comparto biomedicale.

Ma anche dalla giornata di mercoledì, per i rappresentanti dei trenta lavoratori, non sono emersi scenari positivi. All’ora di pranzo, dopo la manifestazione del mattino, è stato proposto un incontro dalla dirigenza. «Ci è stata riproposta la stessa situazione che abbiamo purtroppo ben presente da varie settimane. Di fatto siamo di fronte a una condizione estrema e i lavoratori hanno confermato lo sciopero».

Tutti i dettagli nell’ampio servizio su “La Provincia di Sondrio” in edicola giovedì 30 gennaio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA