Precipita con l’elicottero  Manovra d’emergenza lo salva
I soccorritori e sullo sfondo l’ultraleggero finito in un campo di mais

Precipita con l’elicottero

Manovra d’emergenza lo salva

Il pilota è ricorso all’autorotazione finendo in un campo di mais

La caduta a Castione dopo aver riparato un vetro a Caiolo, era diretto a Pavia

Aveva raggiunto, ieri mattina, Caiolo, e precisamente l’Eurotech manutenzione elicotteri, di cui è cliente, per cambiare il finestrino del proprio ultraleggero e, completato l’intervento, si era alzato in volo per tornare a Pavia, dove risiede e gestisce un’attività in proprio.

Purtroppo, però, il volo di un uomo di 49 anni, origini pavesi, è terminato poco dopo il decollo, intorno alle 11, in un campo di mais di Castione Andevenno, fra l’Adda e la Statale 38. E, nonostante tutto, senza tragiche conseguenze, perché questo pilota, appassionato di volo da diporto sportivo, è riuscito a gestire al meglio l’imponderabile e, ricorrendo alla manovra appropriata, ovvero all’autorotazione, a dirigere verso terra l’ultraleggero senza schiantarsi.

«Grazie a questa manovra, è uscito da quel cono d’ombra che, in aeronautica si chiama “curva dell’uomo morto” - precisa Enrico Magini, vicepresidente dell’Aeroclub di Caiolo e coordinatore del gruppo aereo della Protezione civile di Sondrio - , cosa che riesce certamente meglio quando si è ad altezze più elevate, però, la manovra gli ha permesso di uscirne vivo, perché, pur avendo strisciato in avanti per alcuni metri col mezzo ed essersi ribaltato, ha riportato solo lievi conseguenze».

Sembra, addirittura, che il pilota sia uscito da solo dall’abitacolo, e che i primi soccorritori giunti sul posto, sia di Areu, sia dei Vigili del fuoco di Sondrio, l’abbiano intercettato nei pressi del velivolo, mentre, quest’ultimo, proprio perché di piccole dimensioni, è stato avvistato solo dall’aria, dagli operatori dell’elisoccorso di Caiolo, a loro volta, alzatisi in volo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA