Sabato 28 Giugno 2014

«Posta a rischio

in luglio e agosto»

Previste difficoltà nei prossimi due mesi per il recapito della corrispondenza

«Servizi postali a rischio nel periodo estivo in tutta la provincia di Sondrio, soprattutto nella zona di Morbegno». È l’allarme lanciato dalla Slp-Cisl. Secondo la categoria guidata dal segretario Antonio Rizzo, manca il personale per tenere gli uffici aperti e per il recapito della corrispondenza.

La situazione è già stata illustrata a livello regionale, ma secondo Rizzo ci sono anche alcune criticità locali.

Occorre evidenziare, secondo il sindacato di via Bonfadini, anche «i troppi improvvisi distacchi di personale da un ufficio all’altro e che molti direttori degli uffici, rischiando in proprio pur di servire i cittadini, eseguono il lavoro di sportelleria restando anche da soli a presidiare l’ufficio, contrariamente da quanto previsto dall’azienda stessa nelle norme sulla sicurezza».

Ma i problemi, secondo la Slp-Cisl, riguardano anche il recapito. «La consegna della corrispondenza e delle notifiche Equitalia nei mesi estivi non può essere garantita in maniera puntuale in tutte le zone dei Comuni della provincia perché manca il personale di ruolo, nonostante le 19 unità che saranno assunte a tempo determinato».

«L’insufficiente personale a termine presente dovrà effettuare molte ore di straordinario e di flessibilità operativa per garantire ai colleghi, e a se stessi, la possibilità di fare le ferie previste da contratto e da tempo programmate - prosegue lo stesso sindacato -. Oltre a questo, saranno inevitabili le uscite giornaliere in ritardo rispetto agli orari previsti a causa della mancanza anche di personale alle lavorazioni interne, di smistamento e registrazione degli oggetti a firma». «Anche in questo caso - ecco la puntualizzazione -, i servizi più fortemente a rischio sono nella zona di Morbegno».

© riproduzione riservata